La settimana che ci aspetta: Focus sul PIL del Regno Unito: i dati sul lavoro aiuteranno ad allentare i dubbi sulla ripresa?

Questa settimana sono attesi molti dati sulla crescita e sul mercato del lavoro per migliorare ulteriormente il quadro dell’economia globale, mentre i dati sul sentiment potrebbero fornire un po’ di chiarezza sulle prospettive future. La Reserve Bank of New Zealand annuncerà le sue ultime decisioni politiche, e i mercati petroliferi potrebbero vedere una maggiore volatilità nei rapporti dell’Agenzia Internazionale dell’Energia e dell’OPEC.

Il PIL del secondo trimestre del Regno Unito: un calo minore ma una ripresa più lunga?

La prima stima sul PIL britannico nel secondo trimestre è attesa per mercoledì. Gli analisti hanno previsto un calo del 20,4% sul trimestre. La settimana scorsa la Bank of England ha affermato di ritenere che il calo del secondo trimestre sarà “meno grave” di quanto inizialmente previsto, anche se l’arco di tempo necessario alla ripresa è stato prolungato.

Questa settimana è prevista anche una seconda lettura del PIL dell’Eurozona: stando alle stime preliminari, l’economia ha registrato un calo record del 12,1% tra aprile e giugno e stavolta non si prevedono cambiamenti.

I dati chiave sul mercato del lavoro mentre crescono le domande sul ritmo della ripresa

I dati sull’occupazione rimangono uno degli strumenti di misurazione più importanti utilizzati per determinare la ripresa economica dal Covid-19, e questi dati sono minacciati da nuovi blocchi nelle principali città e regioni delle più grandi economie del mondo.

I dati sul tasso di disoccupazione nel Regno Unito attualmente si attestano al 3,9% ma alcuni analisti si aspettano che i dati per il mese di giugno mostrino una crescita al 6%. Le ultime previsioni della Bank of England prevedono che il tasso di disoccupazione raggiungerà il 7,5% entro la fine dell’anno. Saranno disponibili anche i dati relativi alle richieste dei sussidi di disoccupazione per il mese di luglio.

Anche l’Australia pubblica i dati mensili sui tassi di variazione dell’occupazione e della disoccupazione, mentre i dati settimanali sulle richieste di sussidio di disoccupazione negli Stati Uniti restano al centro dell’attenzione.

I nuovi blocchi hanno colpito il sentiment dei consumatori e delle imprese?

Questa settimana i dati sul sentiment dei consumatori e delle imprese includono gli indici australiani NAB Business Confidence e Westpac Consumer Confidence, quelli dell’Eurozona e della Germania ZEW Economic Sentiment, e il più recente indice americano sul Consumer Sentiment dell’Università del Michigan. Il sentiment potrebbe aver preso una brutta piega a causa delle nuove restrizioni messe in atto per aiutare a controllare la diffusione del virus.

Inoltre, da segnalare questa settimana i tassi di inflazione e le vendite al dettaglio in Cina e negli Stati Uniti.

La decisione sui tassi di interesse della Reserve Bank of New Zealand

I recenti dati economici suggeriscono che la Reserve Bank of New Zealand potrebbe non avere la necessità di apportare ulteriori adeguamenti alle sue politiche in questo periodo, anche se un aumento delle scommesse sugli hedge fund contro la Nuova Zelanda indica che gli esperti si aspettano più incentivi nel prossimo futuro.

I dati sull’occupazione del secondo trimestre hanno mostrato un calo degli occupati molto inferiore alle attese e, grazie a una revisione al rialzo dei dati del primo trimestre, il tasso di disoccupazione è rimasto inaspettatamente stabile al 4%.

Anche le aspettative sull’inflazione delle imprese sono aumentate dall’1,2% all’1,4%, il che significa che le prospettive sono migliorate per entrambe le aree che la Reserve Bank of New Zealand è tenuta a considerare.

Le relazioni sui mercati petroliferi dell’EIA e dell’OPEC

Oltre ai dati settimanali sulle scorte di greggio dell’EIA statunitense, gli operatori nel settore delle materie prime vorranno anche osservare gli ultimi rapporti sul mercato petrolifero dell’Agenzia Internazionale dell’Energia e dell’OPEC.

I recenti dati sulle scorte petrolifere provenienti dagli Stati Uniti sono stati rialzisti, e hanno mostrato un forte pareggio nelle ultime due settimane. Gli operatori attendono di vedere che l’EIA e l’OPEC si aspettino una continua ripresa della domanda.

In evidenza su XRay questa settimana

Leggi il programma completo dell’analisi e formazione del mercato finanziario.

07.15 UTC Daily European Morning Call
17.00 UTC 10-⁠Aug Blonde Markets
From 15.30 UTC 11⁠-⁠Aug Weekly Gold, Silver, and Oil Forecasts
17.00 UTC 13-⁠Aug Election2020 Weekly
12.00 UTC 14⁠-⁠Aug Marketsx Platform Walkthrough

Eventi economici principali

Presta attenzione agli eventi più importanti sul calendario economico di questa settimana:

01.30 GMT 10-Aug China Inflation Rate
After-Market 10-Aug Occidental Petroleum
01.30 GMT 11-Aug Australia NAB Business Confidence
06.00 GMT 11-Aug UK Claimant / Employment Change & Unemployment Rate
09.00 GMT 11-Aug Eurozone / Germany ZEW Economic Sentiment
02.00 GMT 12-Aug RBNZ Interest Rate Decision
06.00 GMT 12-Aug UK Preliminary Q2 GDP
09.00 GMT 12-Aug Eurozone Industrial Production
Pre-Market 12-Aug Tencent Holdings – Q2 2020
12.30 GMT 12-Aug US Inflation Rate
14.30 GMT 12-Aug US EIA Crude Oil Inventories
12-Aug OPEC Monthly Oil Market Report
After-Market 12-Aug Cisco Inc – Q4 2020
01.30 GMT 13-Aug Australia Employment Change / Unemployment Rate
06.00 GMT 13-Aug Germany Finalised Inflation
08.00 GMT 13-Aug International Energy Agency Oil Market Report
12.30 GMT 13-Aug Initial Jobless Claims
14.30 GMT 13-Aug US EIA Natural Gas Storage
02.00 GMT 14-Aug China Industrial Production and Retail Sales
09.00 GMT 14-Aug Eurozone Q2 GDP 2nd Estimate
12.30 GMT 14-Aug US Retail Sales
14.00 GMT 14-Aug University of Michigan Sentiment Index