Nikola shares tumble (again)

Volume leaders today include Apple as normal, as well as Peloton after a blow-out earnings report – EPS of $0.27 almost treble the street consensus of $0.10 indicating the stay-at-home Covid trend is playing out well for the brand. A new cheaper version of its bike should help, too. Apple shares were flat, with Peloton up just +1%, well below its highs.

Hidenburg Research slams Nikola, shares tumble

Nikola shares fell about 15% on high volumes after the Hindenburg Research article. Whilst shares had fallen yesterday following publication, it seems investors have taken fright at the lack of any detailed refutation by Nikola.

A statement today from the company only said the allegations are not accurate and described the report as a ‘hit job’. If it is a hit job, it’s been a very well timed one with the stock having jumped only a couple of days prior on the tie-up with GM. But the lack of detail from the company so far has left investors unimpressed.

Without being able to comment on the details of the report, short attacks can and do happen, and more often than often there is rarely smoke without fire.

Equities move higher into the weekend

Elsewhere, the S&P 500 ticked higher after testing yesterday’s cash close at 3,339, with the 50-day line offering further support untested at 3,321.90. Yesterday’s tap on the 21-day SMA at 3,425 looks a long way off. Nasdaq also higher as risk is catching some bid into the weekend.

European equity markets are closing the day out with some decent weekly gains in the bag. Overall we have seen a real divergence between the US and Europe this week with equity markets this side of the pond doing better. Partly that is down to the rotation out of tech, but also we need to be aware of election risk that will play an increasing role in driving sentiment over the next month and a half.

Crude oil found some bid as the risk sentiment improved as the US session progressed.

Listening to the usual talking heads it seems there is more appetite for value after the three-day tech rout saw the penny drop for many that valuations had gotten out of hand. Let’s see how that goes with Ocado and Next on stage next week.

Brexit headline risk keeps pressure on GBPUSD

In FX, DXY ran out of gas at 93.38 as it tries to make another stab at the top of the descending wedge. GBPUSD tried three times to break below 1.2770 today but the level has just about held for now – sterling remains exposed to Brexit headline risks and bulls may be thin on the ground.

Post fix it looks pretty meek and liable to further downside into the weekend with UK-EU trade talks next week in focus. The current consolidation range looks pretty bearish and flaggy but we should always caution that sellers can get exhausted into the weekend just much as buyers can and there may be some profits being taken.

La settimana che ci aspetta: Riprendono i negoziati sulla Brexit, la BCE si concentra sui tassi di scambio

Questa settimana ripartiranno le discussioni sulla Brexit, per un altro round di negoziati che finora ha portato a piccoli progressi. Riusciranno le due parti in causa a risolvere lo stallo oppure i titoli dei giornali peseranno sulla sterlina? Nel frattempo la riunione della Banca Centrale Europea arriva dopo una serie importante di scambi per l’euro che ha preoccupato i responsabili delle politiche monetarie.

I negoziati sulla Brexit

La prossima sessione formale di colloqui tra l’UE e il Regno Unito si terrà a Londra questa settimana, e verrà implicitamente introdotto il rischio di eventi incrociato tra sterlina britannica e FTSE. L’aria che si respira non è particolarmente positiva. L’ultima tornata di discussioni in agosto ha avuto come risultato progressi molto scarsi.

In seguito Michel Barnier, il capo negoziatore dell’UE, ha affermato che un accordo sembra “improbabile”, definendosi preoccupato per lo stato di avanzamento dei lavori. David Frost, la sua controparte inglese, ha sostenuto che i colloqui sono stati utili ma che i progressi sono stati minimi.

I colloqui informali della settimana scorsa non hanno portato molto di più, e Barnier ha detto di sentirsi  “preoccupato e deluso” riguardo all’approccio britannico sulla discussione in corso.

Al centro dei colloqui ci sono le preoccupazioni concomitanti relative alla sovranità (Regno Unito) e all’integrità del mercato unico (UE). Entrambe le parti devono raggiungere un compromesso filosofico prima di poter arrivare ad un compromesso pratico. E’ qui che inizio a preoccuparmi relativamente al fatto che possa essere raggiunto un accordo forte e onnicomprensivo.

L’incontro della BCE

La Banca Centrale Europea (BCE) si ritrova nel mezzo di un recupero da parte dell’euro che sta preoccupando i responsabili delle politiche economiche. Pare che la soglia di 1,20 fosse il limite massimo per la banca centrale – un livello che ha spinto il capo economista Philip Lane a commentare che mentre la BCE non si preoccupa del tasso di cambio, “a contare realmente è il cambio tra euro e dollaro”.

La BCE ha tentato di intervenire in questo recupero: un euro più forte renderà più difficile alimentare l’inflazione e danneggerà la crescita. Lane intende semplicemente far sapere al mercato che ad essere importante è il tasso di cambio. L’ultima cosa che ci serve ora è una guerra valutaria, ma la BCE potrebbe essere in procinto di dichiararne una. Attendiamo di sapere qual è il parere di Christine Lagarde al riguardo.

Nel frattempo, sarà anche opportuno vedere se la BCE seguirà l’esempio della Federal Reserve, manifestando la sua intenzione di non lasciare che l’inflazione (se mai dovesse diventare reale) impedisca la ripresa.

La domanda più importante è se la BCE intende impegnarsi per un doppio mandato come la FED. In realtà, il mandato della BCE è già più ampio. Oltre al suo obiettivo principale di sostenere la stabilità dei prezzi, ha il compito di sostenere le “politiche economiche generali” dell’UE. Se questo non è un via libera al supporto dell’occupazione, allora cos’è?

A Jackson Hole la FED ha annunciato un cambio della politica che avrà un impatto concreto sulle aspettative relative a tassi e inflazione. La FED ha seguito un approccio più razionale. Invece di dire che i risultati economici devono adattarsi ai suoi modelli – che sono sempre stati nient’altro che la migliore delle ipotesi – lascerà che siano i risultati a guidare le politiche di indirizzo.

Qualcuno potrebbe sostenere che si tratta di un passo verso l’abbraccio totale della Modern Monetary Theory, anche se in passato Powell è stato contrario a questo approccio. Il fatto è che la crisi ha gettato la Modern Monetary Theory dal terreno della pura teoria economica alla pratica senza alcun dibattito reale. Powell ha colto un principio centrale della Modern Monetary Theory: perché milioni di persone dovrebbero finire nella spazzatura dell’economia e restare disoccupate come prezzo da pagare per un’inflazione bassa?

Credo che la BCE seguirà questa direzione, e l’incontro si rivelerà molto interessante.

Dati economici da osservare

Oltre a quanto sopra, presta attenzione alla festa del Labor Day degli Stati Uniti di lunedì, quando i mercati azionari resteranno chiusi. L’indice dei prezzi delle case nel Regno Unito di Halifax verrà pubblicato nello stesso giorno, appena prima del rapporto Sentix sulla fiducia degli investitori dell’Eurozona.

Martedì andrà tenuto d’occhio il rapporto NAB sulla fiducia delle imprese per l’Australia, nonché i dati sulla spesa e sul PIL del Giappone. Mercoledì sarà la volta della decisione della Bank of Canada sui tassi di interesse e degli ordini preliminari giapponesi delle macchine utensili, un interessante indicatore in grado di anticipare la domanda. Oltre alla riunione della BCE di giovedì, ci saranno i dati sull’inflazione PPI negli Stati Uniti e le scorte settimanali di petrolio greggio. La settimana terminerà venerdì con i dati sul PIL del Regno Unito, con quelli sull’inflazione del CPI negli Stati Uniti e con l’inizio delle riunioni dell’Eurogruppo dei ministri delle finanze.

Gli utili da osservare

Tra le principali aziende che riferiranno sugli utili, questa settimana ci saranno Lululemon, Oracle, Richemont e Slack. Ma forse al centro dell’attenzione ci sarà Peloton, l’azienda che ha avuto tanto successo durante il Covid e le cui azioni sono salite ai massimi storici nelle ultime settimane.

La settimana scorsa JPMorgan ha alzato il suo target di prezzo da 58 USD a 105 USD, e ha aggiunto il titolo nella sua lista delle azioni preferite.

“La più grande sfida a breve termine di Peloton, secondo noi, è di tenere il passo con una richiesta elevata, con tempi di consegna delle biciclette di circa 6–7 settimane in media nelle prime 20 DMA statunitensi a partire come abbiamo verificato dai nostri controlli del primo settembre”, ha affermato l’analista Doug Anmuth.

Un calendario completo degli eventi economici e aziendali è disponibile sulla piattaforma.

In evidenza su XRay questa settimana

Leggi il programma completo dell’analisi e formazione del mercato finanziario.

17.00 UTC 07-Sep Blonde Markets
From 15.30 UTC 08⁠-⁠Sep Weekly Gold, Silver, and Oil Forecasts
13.00 UTC 09⁠-⁠⁠⁠⁠Sep Indices Insights
14.45 UTC 10-⁠⁠⁠⁠Sep Master the Markets
17.00 UTC 10-⁠⁠⁠⁠Sep Election2020 Weekly

CySEC (Europa)

Prodotto

  • CFD
  • Negoziazione di azioni
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Compensazione FSCS per l’Investitore fino a EUR 20.000
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com, gestito da Safecap Investments Limited (“Safecap”) Regolamentato dalla CySEC con licenza numero 092/08 e dalla FSCA con licenza numero 43906.

FSC (Globale)

Prodotto

  • CFD
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Verifica elettronica
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com, gestito da TradeTech Markets (BVI) Limited (“TTMBVI”) Tiene la licencia número SIBA/L/14/1067 regolamentato dalla B.V.I Financial Services Commission (“FSC").

FCA (Gran Bretagna)

Prodotto

  • CFD
  • Le spread bet
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Indennizzo agli investitori della FSCS fino a GBP85.000. *a seconda di criteri ed idoneità
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com gestito da TradeTech Alpha Limited (“TTA”) Regolamentato dalla Financial Conduct Authority (“FCA”) con licenza n.607305

ASIC (Australia)

Prodotto

  • CFD

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Verifica elettronica
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com, gestito da TradeTech Markets (Australia) Pty Limited (“TTMAU”) Detiene una licenza per i servizi finanziari australiana n. 424008 ed è regolamentata nella fornitura di servizi finanziari dell’Australian Securities and Investments Commission (ASIC”).

FSCA (Africa)

Prodotto

  • CFD
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com, gestito da TradeTech Markets (Sudafrica) (Pty) Limited (“TTMSA”) Regolamentato dalla Financial Sector Conduct Authority (“FSCA”) con licenza numero 46860.

Selezionando uno di questi organismi di regolamentazione, verranno visualizzate le informazioni corrispondenti su tutto il sito web. Per maggiori informazioni, clicca qui.