NFP miss: does it mean anything?

US jobs growth cooled with just 226k created in April, well below the 1m+ expected. The blowout number from March was also revised lower by 146k to 770k. Wages rose more than expected.

What does it tell us, if anything?

1) Don’t read too much into this print – the US economy is by most measures booming. Payrolls are a lagging indicator and at the mercy of a huge number of factors. Payrolls can sometimes produce a monthly print way off the reservation. Moreover, +266k is a good number in normal circumstances and the country is still in the throes of the pandemic – expectations might have gotten a little elevated for this number (guilty). Too much hype maybe a factor here in some of these market moves on the announcement – the narrative doesn’t really change IMHO.

2) If slower employment growth is something to consider, then it will simply keep the Fed easier for longer. This was reflected in the surge in tech/growth and a reversal of the reflation trade (ie Dow lower, NDX higher) in the futures market. Overall, this ought to be a net positive for risk assets like stocks, albeit it may create yet more churn and rotation, which makes it messier. As per point one, however, this print does not mean that suddenly WFH stocks are about to suddenly get out of their funk, or FAANGS are more attractive than they were yesterday. Similarly, it does mean that the reflation trades are less appealing. If anything, it simply has created a more useful entry point for some – as can be seen by the fading of the initial kneejerk on the Dow and elsewhere.

Chart showing USA 30 index response to NFP release May 7th 2021.

3) There has been some evidence that poorer folks are better off than they were thanks to stimulus cheques. These won’t last forever, but there is an argument that ongoing government support create a moral hazard around incentivising people back into work post-pandemic. A question that does need to be asked by the Fed and Treasury is how their policies are going to improve productivity and generate real employment gains.

4) Even if yields and the value/cyclical equity market plays recover – as they seem to be doing in the first half hour of trading on Wall Street today – the print does not do an awful lot for USD. Bonds were bid, and yields moved sharply lower, with the 10yr down under 1.5% in short order. The sharp move lower in yields lifted gold and sent the US dollar lower to breach the late April low and snap the rising trendline. If we can use this print as anything to go by, then it means the Fed is inching further away from a taper than the ECB which ought to be supportive for a long-awaited EURUSD rally to 1.25.

Yields response to NFP release May 7th 2021.

5) Rising wages underscore a sense that employers are struggling to find workers. Lower paid jobs that were lost in the pandemic are coming back, but they may not be as low paid as they used to be. This suggests further upside pressure on inflation over the coming months as businesses seek to attract staff. The problem for the Fed becomes this: if inflation picks up and employment does not recover quickly enough, its’ current policy stance will be questioned and the bond market will start to flex its muscles.

European stocks hit record high, Jes Staley wins out, monster US jobs report expected

European markets rose handily on Friday, with the Stoxx 600 hitting a record high head of the hotly-anticipated US jobs report. The FTSE 100 rallied to take out 7,100, hitting a new post-pandemic high, and the DAX is buoyed by some positive earnings from German firms, with Adidas advancing 8% as it hiked its 2021 sales outlook and Siemens up 2% as it too raised its net income guidance for 2021. Combined the two stocks are adding 70pts to the DAX this morning.

The overriding market themes remain pretty well unabused: A monster commodity rally continues as the global economy heats up, and massive but messy rotation out of the tech/growth/momentum plays into more cyclical/value parts of the market. Copper rallied to an all-time high, aluminium is extending gains. Palm oil 13-year high, iron ore and steel at all-time highs. There is yet room to run higher in the commodity space.

It was a messy session on Wall Street: After some big moves early doors, the Nasdaq composite managed to stage a comeback to close up by 0.37% as dip buyers took up the reins on some of the bigger names. After opening lower, Apple, Microsoft, Facebook and Amazon managed to rally and do the heavy lifting on the index. ARK Innovation ETF declined almost 3% and is down 10% this week alone. By the end there were 75 advancing stocks to 26 decliners on the Nasdaq 100. But there was a clear wobble. The S&P added 0.82% as financials led the way and the Dow Jones added another 300+ points for another record high. Pandemic favourite Etsy tumbled 15% on earnings, whilst reopening favourites MGM and Norwegian were both down more than 6%.

Zoom was down again, back to levels last seen in August last year – is the WFH boom over? DocuSign is also trading at a level not seen since the summer of 2020 just before it really took off on some strong revenue growth and expectations for a new normal. Things have changed – vaccines mean we are getting back to the old normal. Bosses are demanding workers make plans to get back in the office.

In the wake of the Archegos blow-up, many are rightly looking to the very high levels of margin debt as a potential red flag. The Federal Reserve – cheerleader in chief for the market rally – agrees. In its semi-annual report on financial stability the central bank warned that existing gauges of hedge fund leverage “may not be capturing some important risks”. It also helpfully said risk assets could decline if risk appetite falls. They might as well say stocks can fall is there are more sellers than buyers, too…

Sterling has failed to make any real headway in the wake of the Bank of England decision despite softer Treasury yields, which are holding under 1.57%, removing some support for the greenback, with the dollar index slinking back under 91. Although it significantly upgraded its near-term economic forecasts and announced a form of ‘technical’ taper’ of bond purchases, the Bank’s outlook on inflation suggests it will be in no rush to raise rates this year. That could act as a headwind for sterling bulls. GBPUSD looks a little perky in early trade today above 1.3920, having fallen to 1.3860 yesterday shortly after it hit a one-week high above 1.3940 at the time of the MPC’s statement. Watch for the Scottish election results coming in over the next 24 hours for a signal on how much pressure for a second independence referendum we might expect. UK breakup remains a tail risk underpriced by the market but one that can probably be confidently kicked down the road for at least 8 years – the current Tory government won’t grant a referendum. Today’s Hartlepool by-election result underlines how far Labour still need to travel to mount any kind of challenge to Boris at the next election.

Jes Staley’s disposition might be likened to the Cheshire cat this morning. Sherborne Investors, the vehicle led by activist investor Edward Bramson, announced it had sold its 6% stake in Barclays. The move ends a high-profile battle over the direction of the venerable British bank, and particular Staley’s pursuit of investment banking success. Barclays shares rose 2% in early trade on the news. It reflects a couple of things. First, the investment banking arm at Barclays has been doing rather well. Earnings from the investment banking arm rose 22% to £12.5bn last year, its best since 2014. The Q1 performance was also solid, with growth in equities trading revenues of 65% ahead of US peers, although Staley admitted FICC ‘wasn’t where we wanted it to be’. The 35% drop in FICC trading was mainly down to tough comparisons with last year – not a terminal problem.

Staley was mainly right, Bramson was mainly wrong. There were always doubts about the whole ‘shrink to grow’ concept that has underpinned the strategy of the likes of Deutsche Bank. Barclays rightly pursued a different course and maintained a more diversified revenue stream. When consumer and business growth markets are strained – like during the pandemic – volatility in financial markets creates a good environment for trading revenues to prosper. Moreover, the stock has enjoyed some decent returns in the last year, getting back to around the level it was at before the pandemic, so it’s a handy time to exit. Sherborne also notes that it has found another target that it did not name. A prize to whoever finds out what it is.

It’s nonfarm payrolls day. ADP numbers were good, but a little light of expectations. Unemployment claims were under 500k for the first time since the pandemic hit. The readings prove the US economy is positively purring. So, the outlook is good and expectations high – something like 1m jobs are expected to have been created by US employers last month, topping the total for March. The question really is how fast the labour market can make up the still roughly 8m jobs lost since the pandemic, at which point the Fed will, by its own policy stance, considering tightening monetary policy. Atlanta Fed president Raphael Bostic said he’s expecting “a really strong number, and that would be encouraging,” but said a 1m+ number would not trigger a debate among policymakers on tapering the Fed’s $120bn-a-month bond buying programme. A couple of monster jobs reports do not make a for a taper discussion, but give it a few months and – at the current expected pace of expansion – the Fed will be in a position to tighten. Markets are already working on this – beware linear thinking.

La settimana che ci aspetta: I nonfarm payroll e le decisioni sui tassi della Bank of England e della Reserve Bank of Australia

I dati sui nonfarm payroll sono in arrivo venerdì. Abbiamo osservato l’economia statunitense riprendere vita a marzo, e vedremo se questo slancio continuerà.

Sono anche in arrivo le decisioni sui tassi dalla Bank of England e dalla Reserve Bank of Australia, ma come per molti altri avvenimenti di quest’anno, non ci aspettiamo grandi cambiamenti di direzione. Siamo ancora nel mezzo della stagione degli utili.

Centinaia di aziende a grande capitalizzazione stanno presentando dati per quello che per alcuni è stato un trimestre eccezionale.

I nonfarm payroll statunitensi – Aprile riuscirà ad eguagliare il successo di marzo?

Venerdì saranno pubblicati i dati relativi ai nonfarm payroll statunitensi di aprile. Tutti gli occhi saranno puntati sul mercato del lavoro degli Stati Uniti, dopo che i dati di marzo hanno superato le aspettative, indicando che l’economia statunitense sta tornando in vita.

I nonfarm payroll sono aumentati di 916.000 unità a marzo, ben oltre la stima Dow Jones di 675.000. I maggiori incrementi sono stati registrati nei settori del tempo libero e dell’ospitalità, dove sono stati contati 280.000 nuovi posti di lavoro in un mese.

Il settore delle costruzioni ha bissato il successo del mese precedente con 110.000 nuove assunzioni nel mese. L’istruzione ha registrato un boom grazie alle riaperture delle scuole negli Stati Uniti. Nel complesso, gli istituti di istruzione locali, statali e privati hanno assunto 190.000 dipendenti in più in un mese.

Sono sempre più i segnali di una crescita economica. L’attività commerciale si sta avvicinando ai livelli pre-pandemia, raggiungendo il 93,4% sull’indice dell’attività economica Jefferies JeffData negli Stati Uniti. Le prospettive di crescita del PIL sono molto alte.

Questa settimana saranno disponibili anche i dati degli indici PMI manifatturieri ISM, e si aggiungeranno ai vari indicatori economici in arrivo, a seguito dell’eccellente performance di marzo. L’indice ha raggiunto il 64,7% il mese scorso, mostrando un incremento sostanziale dell’attività manifatturiera rispetto allo scorso anno.

L’obbligo ora è quello di sostenere lo slancio in queste aree economiche vitali.

Nessun cambiamento per la politica della Bank of England questo mese

Non c’è da aspettarsi alcun cambiamento alla politica monetaria durante la riunione del 6 maggio della Bank of England, tuttavia le prospettive economiche molto più favorevoli indicano di sicuro che la Banca sarà in grado di interrompere prima del previsto lo stato emergenziale.

Con il Quantitative Easing che viaggia ad un ritmo di poco più di 4 miliardi di sterline in acquisti settimanali di gilt, l’attenzione si concentrerà sul punto in cui il Monetary Policy Committee deciderà di comunicare che rallenterà questi acquisti nel corso dell’anno.

La contrazione del PIL nel primo trimestre non è stata così grave come si temeva, poiché l’economia ha mostrato una resilienza molto maggiore al terzo lockdown rispetto al primo, mentre il successo delle vaccinazioni sta diventando sempre più evidente, il che significa che l’eliminazione di tutte le restrizioni entro il 21 giugno sta diventando sempre più probabile.

Pertanto, c’è il rischio che in questa riunione la Banca annunci piani di riduzione degli acquisti di asset, ancora prima di quanto il mercato possa prevedere. Ciò sarebbe probabilmente positivo per la sterlina, poiché i mercati valutari continuano a sottovalutare il l’atteggiamento interventista del Monetary Policy Committee.

La Banca prevede un calo del 4% nel primo trimestre (trimestre su trimestre), tuttavia per il momento i dati indicano che la contrazione è stata più lieve rispetto alla proiezione di febbraio. Le stime di crescita per anno nel suo complesso potrebbero essere riviste al rialzo rispetto all’attuale livello del 5%. Ciò potrebbe fornire le armi per una riduzione anticipata degli acquisti, tuttavia il Monetary Policy Committee potrebbe preferire attendere più a lungo (ad esempio giugno, quando l’entità delle riaperture potrà essere valutata meglio) per progettare tagli più decisi nella seconda parte dell’anno.

Nessuna variazione del tasso di cassa per la Reserve Bank of Australia, ma una possibile estensione del Quantitative Easing

Proprio come la Bank of England, la Reserve Bank of Australia non dovrebbe apportare grandi cambiamenti alla sua politica quando questa settimana Philip Lowe e i suoi effettueranno la loro dichiarazione sui tassi mensili.

“Il Consiglio non aumenterà il tasso di cassa fino a quando l’inflazione effettiva non sarà sostenibile tra il 2 e il 3%. Affinché ciò avvenga, la crescita dei salari dovrà essere sostanzialmente più elevata di quanto non sia attualmente”, ha affermato il governatore della Reserve Bank of Australia Philip Lowe nella sua dichiarazione di marzo. Per quanto si possa prevedere, il tasso resterà fermo allo 0,10%.

Ciò che potrà forzare la mano di Lowe potrà essere un incremento significativo dell’occupazione, oltre che un mercato del lavoro complessivamente più stabile. In questo momento, la Reserve Bank of Australia non prevede che queste condizioni torneranno fino al 2024 nella migliore delle ipotesi.

Invece, potremmo vedere un’estensione del programma di quantitative easing australiano. Gli analisti di Westpac pensano che sia in arrivo una terza ondata di acquisti di obbligazioni da 100 miliardi di dollari, con una mossa progettata per “integrare la decisione di estendere la politica di controllo della curva dei rendimenti (YCC) per acquistare le obbligazioni di novembre 2024 al tasso di cassa dello 0,1%”.

Nel complesso, il sentiment della Reserve Bank of Australia è buono.

Nella sua dichiarazione di marzo, la Banca Centrale ha dichiarato: “La ripresa economica in Australia è a buon punto ed è più sostenuta di quanto ci si aspettasse. Il tasso di disoccupazione è sceso al 5,8% a febbraio, e il numero di persone occupate è tornato ai livelli pre-pandemia”.

“Il PIL è aumentato di un sostanzioso 3,1% nel trimestre di dicembre, sostenuto da un ulteriore aumento dei consumi delle famiglie grazie al miglioramento della situazione sanitaria. La ripresa dovrebbe continuare, con una crescita superiore al trend sia quest’anno che l’anno prossimo. I bilanci delle famiglie e delle imprese sono in buone condizioni e dovrebbero continuare a sostenere la spesa”.

A Wall Street continua la serie degli utili

Questa settimana le società a grande capitalizzazione si stanno preparando per un altra tornata di utili a Wall Street.

Finora, sembra che generalmente sia stato un trimestre con risultati migliori per le aziende che presentano i loro utili. Le aziende hanno finora riportato utili aggregati superiori del 23,6% rispetto alle aspettative, secondo il rapporto Earnings Insight di FactSet del 23 aprile.

Grandi aziende di successo come Apple e Alphabet hanno registrato ottimi risultati sul trimestre, anche se alcuni importanti player del settore tecnologico come Spotify e Netflix hanno ottenuto risultati inferiori alle aspettative in termini abbonati e di utilizzatori.

In attesa di questa settimana, tuttavia, è disponibile un ampio assortimento di aziende a grande capitalizzazione che riferiscono riguardo ai loro utili. In testa ci sono PayPal e Square, oltre che Pfizer, pioniera del vaccino Covid-19. La distribuzione del suo vaccino è stata determinante per aiutare le economie a tornare alla normalità, perciò molto probabilmente questo sarà un trimestre di successo per l’azienda farmaceutica.

Più sotto è possibile trovare una carrellata di società a grande capitalizzazione che riferiranno sui propri utili la prossima settimana.

I principali dati economici

Date  Time (GMT+1)  Currency  Event 
Mon 03-May  3.00pm  USD  ISM Manufacturing PMI 
       
Tue 04-May  5.30am  AUD  Cash Rate 
  5.30am  AUD  RBA Rate Statement 
  Tentative  AUD  Annual Budget Release 
  11.45pm  NZD  Employment Change q/q 
  11.45pm  NZD  Unemployment Rate 
       
Wed 05-May  10.00am  EUR  EU Economic Forecasts 
  3.00pm  USD  ISM Services PMI 
  3.30pm  USD  US Crude Oil Inventories 
       
Thu 06-May  12.00pm  GBP  BOE Monetary Policy Report 
  12.00pm  GBP  MPC Official Bank Rate Votes 
  12.00pm  GBP  Monetary Policy Statement 
  12.00pm  GBP  Official Bank Rate 
  3.30pm  USD  US Natural Gas Inventories 
       
Fri 07-May  1.30pm  CAD  Employment Change 
  1.30pm  CAD  Unemployment Rate 
  1.30pm  USD  Average Hourly Earnings m/m 
  1.30pm  USD  Nonfarm Employment Change 
  1.30pm  USD  Unemployment Change 

I principali rapporti sugli utili

Date  Time (GMT+1)  Currency  Event 
Mon 03-May  3.00pm  USD  ISM Manufacturing PMI 
       
Tue 04-May  5.30am  AUD  Cash Rate 
  5.30am  AUD  RBA Rate Statement 
  Tentative  AUD  Annual Budget Release 
  11.45pm  NZD  Employment Change q/q 
  11.45pm  NZD  Unemployment Rate 
       
Wed 05-May  10.00am  EUR  EU Economic Forecasts 
  3.00pm  USD  ISM Services PMI 
  3.30pm  USD  US Crude Oil Inventories 
       
Thu 06-May  12.00pm  GBP  BOE Monetary Policy Report 
  12.00pm  GBP  MPC Official Bank Rate Votes 
  12.00pm  GBP  Monetary Policy Statement 
  12.00pm  GBP  Official Bank Rate 
  3.30pm  USD  US Natural Gas Inventories 
       
Fri 07-May  1.30pm  CAD  Employment Change 
  1.30pm  CAD  Unemployment Rate 
  1.30pm  USD  Average Hourly Earnings m/m 
  1.30pm  USD  Nonfarm Employment Change 
  1.30pm  USD  Unemployment Change 

La settimana che ci aspetta: Nonfarm payroll, OPEC e indici PMI

L’OPEC+ si riunisce questa settimana in un contesto di calo dei prezzi del petrolio. Verranno pubblicati anche i dati relativi ai nonfarm payroll. Marzo sarà un altro mese forte o la crescita di febbraio è stata solo una tantum? Nel frattempo, Stati Uniti e Cina si confrontano nella settore manifatturiero con i rilasci di importanti dati relativi agli indici PMI. Al debutto anche Deliveroo, una delle IPO più attese del Regno Unito.

La riunione dell’OPEC+ – ci saranno più tagli o verrà mantenuta l’attuale rotta?

In cima all’agenda dell’OPEC ci sono stati sempre due punti fondamentali: sostenere i prezzi del petrolio durante il blocco e un ritorno alla normalità. Tutto ciò avrà una rinnovata importanza nella riunione di aprile, perché i prezzi del petrolio greggio sono scesi dal loro massimo di 70 USD nelle ultime due settimane.

Nel momento in cui scriviamo i prezzi sono aumentati dai loro minimi da sei settimane a questa parte, nonostante l’EIA abbia segnalato volumi di stoccaggio superiori alle attese nei magazzini statunitensi. Il WTI viene scambiato attorno ai 60 USD e il Brent attorno ai 63 USD.

È molto probabile che i tagli rimangano tali e quali. L’OPEC e i suoi alleati hanno tolto dalla circolazione il 7% dell’offerta pre-pandemia e il presidenza dell’Arabia Saudita si è impegnata ad effettuare un ulteriore taglio di 1 milione di barili al giorno.

Tuttavia, la chiave potrebbe essere l’UE.

Anche l’introduzione del vaccino, o la sua mancanza, ha esercitato pressioni sui prezzi del petrolio in Europa. Le lotte sulle forniture dietro le quali si celano motivazioni politiche, e nuove domande sull’efficacia del vaccino di AstraZeneca, hanno contribuito a determinare un effetto sulla domanda di petrolio, mentre gli speculatori hanno liquidato le posizioni lunghe sulle quali avevano scommesso in riferimento ad una maggiore domanda di viaggi nel periodo estivo.

I ritardi dei vaccini e la una nuova ondata di nuovi casi di Covid-19 in tutta Europa hanno portato a lockdown più severi. Francia e Germania, ad esempio, hanno annunciato altre restrizioni, così come la Polonia. Il Regno Unito ha anche affermato di aver dovuto rallentare il proprio programma di vaccini, uno dei migliori al mondo, a causa dei problemi legati alla fornitura dei vaccini stessi.

Per il secondo trimestre del 2021, l’EIA prevede che i prezzi del Brent saranno in media di 64 USD al barile, con la media in calo a 58 USD al barile nella seconda metà del 2021, poiché stima che nei prossimi mesi emergeranno pressioni al ribasso sui prezzi man mano che il mercato petrolifero troverà un nuovo equilibrio.

La prossima mossa dell’OPEC sarà cruciale se vorrà aiutare a sostenere i suoi membri con prezzi migliori nel corso del 2021.

Nonfarm payroll americani – occhi puntati sul mercato del lavoro dopo la crescita di febbraio

Venerdì saranno pubblicati i dati relativi ai nonfarm payroll statunitensi. Dopo lo scoppiettante mese di febbraio, il mercato seguirà attentamente il rapporto di marzo, sperando di raccogliere sempre più segnali che indichino che gli Stati Uniti stanno rapidamente tornando ad un buono stato di salute economica.

Gli impiegati sono aumentati di 379.000 unità a febbraio, superando di gran lunga le aspettative di 210.000 unità, contribuendo così ad abbassare il tasso di disoccupazione al 6,2%.

I malconci settori del tempo libero e dell’ospitalità hanno registrato il maggior numero di assunzioni, con 355.000 nuovi posti a febbraio. Anche se questo dato questo comprende cinema, hotel, musei, resort e parchi di divertimento, è stato il settore della ristorazione a sostenere l’industria del tempo libero e dell’ospitalità in termini di nuovi posti di lavoro aggiunti, con 285.900 unità.

Probabilmente il pacchetto di stimoli varato da Joe Biden sta favorendo la creazione di nuovi posti di lavoro. Nell’ambito del pacchetto da 1,9 bilioni di dollari del Presidente, le piccole imprese stanno ricevendo ulteriore sostegno al fine di a) sostenere i posti di lavoro esistenti e b) portare ad eventuali nuove assunzioni o riassunzioni. Ciò include: 25 miliardi di USD per ristoranti e bar; 15 miliardi per le compagnie aeree e altri 8 miliardi per gli aeroporti; 30 miliardi per i trasporti; 1,5 miliardi per Amtrak e 3 miliardi per la produzione aerospaziale.

Grazie al pacchetto di stimoli, altre società hanno frenato i programmi di licenziamento. Ad esempio, United Airlines aveva programmato 14.000 licenziamenti a febbraio. Secondo una notizia del Washington Times, questa decisione è stata cancellata con l’ingresso di nuovo denaro governativo nelle casse della linea aerea.

Le autorità di trasporto locali, in particolare la Metropolitan Transportation Authority di New York, riceveranno miliardi, cosa che permetterà loro di proteggere i posti di lavoro. Ad esempio New York riceverà 6 miliardi di USD per fermare licenziamenti e tagli ai servizi.

Naturalmente, tutto questo per proteggere principalmente i posti di lavoro esistenti. Sarà interessante vedere quale sarà l’effetto di tutto ciò sui nonfarm payroll di marzo. Dal momento che le piccole e medie imprese si aspettano più fondi governativi, il numero dei posti di lavoro potrebbe crescere, poiché gli stimoli potrebbero consentire la ripresa delle assunzioni.

Indici PMI manifatturieri di USA e Cina

La prossima settimana i due giganti dell’economia globale pubblicano i loro ultimi dati sugli indici PMI manifatturieri.

Partendo dagli Stati Uniti, abbiamo già visto l’indice manifatturiero statunitense di IHS Markit per marzo, che mostra un altro mese positivo per la produzione industriale del paese. Tale indice è salito a 59 punti a marzo dai 58,6 di febbraio, il che indica che l’attività nel settore manifatturiero ha continuato ad espandersi a un ritmo sostenuto. Questa lettura è risultata leggermente inferiore alle aspettative del mercato di 59,3, ma nulla di cui preoccuparsi.

La prossima settimana sono attesi anche i dati degli indici PMI dell’Institute of Supply Management (ISM). Secondo l’ISM, il mese di febbraio è stato eccezionale per la produzione, con l’indice PMI che ha raggiunto i suoi massimi da tre anni a questa parte, a 60,8 punti. Se consideriamo i dati IHS come indicatore, probabilmente si assisterà ad una crescita costante, e non ad un’altra strepitosa impennata come quella registrata a febbraio. Tuttavia, negli Stati Uniti si stanno registrando segnali incoraggianti relativi ai livelli della produzione industriale.

Con il nuovo anno, l’economia degli Stati Uniti è in uno stato di salute migliore. Gli stimoli hanno messo più soldi nelle tasche dei consumatori e sappiamo già che ne arriveranno ancora di più. Il fatto di riuscire a pompare nuovamente quella liquidità nell’economia potrebbe essere il motivo per cui la produzione si trova in una posizione così favorevole. Anche il lancio del vaccino non sta andando male negli Stati Uniti, cosa che sta anche rafforzando una rinnovata fiducia in tutto il paese.

D’altra parte, a febbraio la produzione cinese ha subito un rallentamento, secondo il rilascio di marzo del Caixin PMI, il principale indicatore della produttività delle fabbriche del paese. Questa frenata continuerà anche ad aprile?

Stando ai dati dell’ultimo Caixin PMI, l’indice è sceso dai 51,5 punti di gennaio ai 50,9 di febbraio, il valore più basso degli ultimi 9 mesi. Una lettura superiore a 50 indica che la crescita è ancora in corso, ma il fatto che stia calando suggerisce una contrazione.

Perché? Il riacutizzarsi dei casi interni di Covid-19 e il rallentamento della domanda globale di beni cinesi importati hanno messo a dura prova il settore produttivo cinese. Inoltre, le aziende hanno licenziato i lavoratori senza dimostrare alcuna fretta nel coprire i posti vacanti con nuove posizioni.

Gli analisti si aspettano ancora un anno forte per la Cina, poiché è stato uno dei pochi paesi a mostrare una crescita economica reale nel corso del 2020 al culmine della pandemia. Tuttavia, il rallentamento della produzione di febbraio evidenzia una certa fragilità nella ripresa economica cinese in corso. Avremo un quadro più chiaro quando verrà pubblicato l’indice PMI di marzo.

IPO di Deliveroo – Una data da ricordare

Deliveroo lancia la sua IPO il 31 marzo, anche se il trading libero non sarà disponibile fino al 7 aprile.

Deliveroo ha fissato una fascia di prezzo per le sue azioni compresa 3,90 4,60 GBP per azione, il che implica una capitalizzazione di mercato stimata tra 7,6 e 8,8 miliardi di GBP.

La società emetterà 384.615.384 azioni (escluse eventuali azioni in eccesso) e ha in previsione di raccogliere 1 miliardo di GBP dalla sua IPO. Anche se si considera la parte più bassa della forbice di questo intervallo, si tratterebbe comunque della più grande quotazione a Londra da un decennio a questa parte, e la più grande d’Europa in quest’anno.

Amazon ha una partecipazione del 15,8% nella società, ma prevede di vendere 23.302.240 azioni per un valore compreso tra 90,8 107,2 milioni di GBP, a seconda di dove si collocheranno i prezzi dell’IPO. L’amministratore delegato e fondatore Will Shu venderà 6,7 milioni di azioni, che gli lasceranno una quota residua del 6,2% della società, per un valore pari a circa 500 milioni di GBP.

 

I principali dati economici di questa settimana

 

Date  Time (GMT)  Currency  Event 
Tue 30 Mar  3.00pm  USD  CB Consumer Confidence 
       
Wed 31 Mar  2.00am  CNH  Manufacturing PMI 
  1.15pm  USD  ADP Nonfarm Employment Change 
  1.30pm  CAD  GDP m/m 
  3.30pm  USD  US Crude Oil Inventories 
       
Thu 1 Apr  All Day  All  OPEC+ Meetings 
  3.00pm  USD  ISM Manufacturing PMI 
  3.30pm  USD  US Natural Gas Inventories 
       
Fri 2 Apr  1.30pm  USD  Average Hourly Earnings m/m 
  1.30pm  USD  Nonfarm Employment Change 
  1.30pm  USD  Unemployment Rate 

 

I principali rapporti sugli utili di questa settimana 

Date  Company  Event 
Mon 29 Mar  Sinopec  Q4 2020 Earnings 
     
Tue 30 Mar  Bank of China  Q4 2020 Earnings 
  Carnival  Q1 2021 Earnings 
     
Wed 31 Mar  Micron  Q2 2021 Earnings 
  Walgreens  Q2 2021 Earnings 

NFP review: numbers disappoint but stimulus drives sentiment

  • Stock futures hold gains, yield curve steepens
  • Second straight disappointing payrolls number
  • Move to fast-track Biden stimulus package drives sentiment

Stocks are set for fresh record high opens on Wall Street and a 5th straight day of gains – something we haven’t seen since August. A soft jobs report has done little to upset the underlying risk-on sentiment that stems from the milking stool of equity market strength: vaccines, stimulus and earnings growth.

Although in line with expectations, really it was another disappointing number from the US jobs market. Nonfarm payrolls rose +49,000 in January, following the -227,000 decline in December, which was revised down from the initial -140,000 print last month. So things look worse in the labour market than maybe we thought but futures are looking right through this with Joe Biden’s $1.9tn stimulus package coming over the hill. The dollar is offered and the yield on US 10-year Treasury notes has leapt with spreads widening along the curve.  2s10s spread at 1.06%, highest for four years, with 5s30s at 150bps,  the widest since 2015.

The decision to move on stimulus without Republican support really changes the game. As I said yesterday, Biden wants to act fast and does not want to spend his first 100 days in office horse trading with the GOP over relief plans. The price of this could be any hopes of bipartisanship in future and we may need to wait until 2022 for the big green/infrastructure package as a result, and it may prove harder to deliver. For now thought dumping an extra 10% of GDP in stimulus is being lapped up by the market.

Unemployment fell to 6.3% from 6.7% but the decline in the participation rate is a concern. U6 unemployment fell to 11.1% from 11.7%. Average hourly earnings rose +5.4% year-on-year vs 5% expected. The two month net revision took the total down by -159k. The US still has some 9.8m fewer jobs than it had in February 2020 before the pandemic struck. Permanent job losses are a concern – the number of permanent job losers, at 3.5 million, changed little in January but is 2.2 million higher than in February.

S&P 500 not bothered: Biden is going for it on stimulus.

S&P 500 not bothered: Biden is going for it on stimulus.

Cable higher and hugging the trendline.

Cable higher and hugging the trendline.

La settimana che ci aspetta: Decisione sui tassi della Banca d’Inghilterra, pagamento degli utili e nonfarm payroll

Ci aspetta una settimana densa di impegni, con la Banca d’Inghilterra che si riunisce per la prima volta quest’anno tra le speculazioni relative a tassi di interesse negativi e le critiche sul suo programma di Quantitative Easing. La stagione degli utili continua, guidata da Amazon e Alphabet, e verranno inoltre rilasciati i nonfarm payroll di gennaio, dopo il calo di dicembre.

Le dichiarazioni della Banca d’Inghilterra: sono in arrivo tassi di interesse negativi?

La Banca d’Inghilterra si incontra questa settimana per la sua prima decisione del 2021 sui tassi di interesse, con la domanda che aleggia su possibili tassi di interesse negativi.

Mentre i tassi di interesse sono ai minimi storici allo 0,1%, la possibilità di un tasso negativo è in corso di esplorazione. Ad ottobre 2020, la Banca d’Inghilterra ha iniziato a sondare il terreno con gli istituti di credito per capire se fossero pronti a tassi di interesse negativi, anche se in quel periodo il governatore Andrew Bailey aveva affermato esplicitamente che non ci sarebbe stata alcuna variazione dei tassi nell’immediato futuro.

Il membro esterno Silvana Tenreyro ha difeso appassionatamente l’eventualità di tassi di interesse negativi ad inizio gennaio 2021, anche se i membri interni devono ancora esprimersi. Essi potrebbero essere in attesa dei risultati del loro riesame della consulenza bancaria prima di fare qualsiasi tipo di annuncio.

Per il resto, il programma di Quantitative Easing della Banca è stato messo in discussione dal proprio comitato di controllo interno indipendente, The Independent Evaluation Office. Secondo i risultati dell’IEO, la Banca d’Inghilterra “non capisce il suo stesso programma di quantitative easing”.

In un rapporto del Financial Times, che cita l’IEO, si afferma che il programma di Quantitative Easing della Banca d’Inghilterra ha funzionato ma ha causato polemiche, perché gli “importanti vuoti di conoscenza” della banca centrale ostacolano la sua capacità di costruire “la comprensione e la fiducia del pubblico nel Quantitative Easing”.

Lo scorso anno la Banca d’Inghilterra si è affidata al Quantitative Easing come strumento per dare supporto monetario ad un’economia colpita dal Covid. Ha stampato cartamoneta e acquistato titoli di stato sui mercati finanziari, nella speranza di poter mantenere l’inflazione intorno al suo tasso di riferimento del 2,0%.

Questa settimana non sono previste modifiche al tasso di prestito di riferimento, né alla dimensione dell’ambito del Quantitative Easing, tuttavia ci sarà un’attenta analisi del linguaggio e del tono con cui si parlerà dei tassi negativi, alla luce del deterioramento di alcuni indicatori economici emerso nell’ultima riunione. Inoltre, la Banca probabilmente segnalerà le sue preoccupazioni sul percorso di ripresa e sulla necessità di mantenere una certa flessibilità. Suggerimenti su possibili movimenti verso tassi negativi graverebbero con tutta probabilità sulla sterlina.

La stagione dei guadagni prosegue con i rapporti di Amazon e Alphabet

Per Wall Street siamo ancora nella stagione degli utili, e continueranno ad arrivare anche i rapporti delle aziende a grande capitalizzazione. Alcune di esse hanno maggiori probabilità di prosperare grazie alla situazione causata dal Covid rispetto ad altre, e Amazon verosimilmente illustrerà un’eccezionale rapporto sugli utili trimestrali.

Per iniziare, nell’ultimo trimestre ci sono sia il periodo dello shopping natalizio e il Prime Day, che l’anno scorso è caduto in ritardo. I rapporti indicano che Amazon potrebbe essere stata in grado di raccogliere fino a 42 centesimi per ogni dollaro di vendita.

Con le sole vendite Prime Day in crescita del 45,2% su base annua, con un record di 10,4 miliardi di USD, sembra che Amazon sia stata in grado di sfruttare al massimo il lockdown, perché i clienti hanno potuto esclusivamente navigare sul web, cliccare e acquistare, anziché recarsi nei tradizionali negozi fisici. Amazon ha anche riferito che il Cyber Monday è stato il suo miglior giorno di shopping in assoluto, con vendite in quelle 24 ore che hanno raggiunto i 9,2 miliardi di USD.

Le azioni di Amazon hanno avuto prestazioni eccezionali nello S&P 500 con un +74,5% rispetto al +17,9% dell’ultimo anno, sia per il suo migliorato servizio di consegna Prime, per il lockdown che è andato a vantaggio dei rivenditori online, e per la crescita nella sua decisione relativa ad Amazon Web Services.

Anche le grandi aziende del comparto tecnologico hanno avuto ottime prestazioni nel periodo del lockdown, e gli analisti prevedono che la settimana prossima anche Alphabet, società madre di Google, pubblicherà eccezionali risultati sugli utili del quarto trimestre.

In questo caso il fattore chiave dovrebbero essere i ricavi pubblicitari: i ricavi degli annunci di ricerca sono in aumento del 9% nel terzo trimestre, dopo un calo dell’8% nei ricavi del secondo trimestre, dal momento che le aziende si sono adattate alla realtà del Covid. Per fare un confronto, possiamo osservare gli ultimi ricavi degli annunci di ricerca di Microsoft, che con 2,18 miliardi di USD nell’ultimo trimestre, hanno contribuito alla crescita dell’1%.

Data la forte posizione di Google su quel settore di mercato, si prevede che gli utili saranno molto maggiori, e che potrebbero potenzialmente registrare alcuni guadagni sostanziali, soprattutto perché il peso di YouTube è ulteriormente cresciuto nell’ultimo trimestre. Questa tendenza è destinata a continuare?

Leggi in fondo a questo articolo per sapere quali aziende a grande capitalizzazione stanno registrando guadagni questa settimana.

Rilascio dei nonfarm payroll dopo il calo di dicembre

La prossima settimana saranno pubblicati gli ultimi dati sui nonfarm payroll, che fungono da indicatore della salute economica degli Stati Uniti.

L’ultima pubblicazione a dicembre aveva rivelato che il mercato del lavoro aveva subito un duro colpo, con una perdita di 140.000 posti di lavoro. Le richieste di disoccupazione settimanali hanno raggiunto quota 965.000 all’inizio di gennaio, il che fa sospettare che l’economia statunitense stia ricominciando a vacillare.

Durante l’ultimo incontro della Fed è avvenuto ciò che pensavamo che sarebbe successo, vale a dire che non si è verificato nessun cambiamento di rilievo nell’attuale politica economica. Ma ora, il presidente Biden è alla Casa Bianca, e ha promesso un pacchetto di stimoli da 1,9 bilioni di USD che potrebbe aiutare a far funzionare di nuovo le cose. Una parte del piano di Biden prevede la protezione delle piccole imprese: qualcosa che è nei desideri dell’82% degli americani in caso di ulteriori pacchetti di stimoli secondo un sondaggio del Morning Consult.

Se il pacchetto di stimoli verrà approvato, saranno stanziati 15 miliardi di USD in sovvenzioni ai datori di lavoro delle piccole imprese, oltre a 35 miliardi di USD in prestiti con un basso tasso di interesse. Probabilmente proseguirà anche il Paycheck Protection Programme (programma di protezione dello stipendio). Si dice che arriveranno anche gli assegni di ristoro, che metteranno nelle tasche dei consumatori 1.400 USD, che si spera che poi verranno spesi per andare a rafforzare gli affari a livello nazionale.

Tuttavia, in questo caso il tempo è di fondamentale importanza, poiché il 57% dei proprietari di piccole imprese statunitensi pensa che sarà in grado di resistere solo fino a giugno. Dopodiché, potrebbe succedere di tutto, perché le piccole imprese stanno già bruciando denaro ad una velocità impressionante. Se il pacchetto riuscirà a passare, bene. Altrimenti, potrebbero verificarsi ulteriori perdite di posti di lavoro con la chiusura delle aziende.

 

I principali dati economici di questa settimana 

Date  Time (GMT)  Currency  Event 
Mon 1 Feb  9.00am  EUR  Final Manufacturing PMI 
  9.30am  GBP  Final Manufacturing PMI 
  2.30pm  CAD  Manufacturing PMI 
  3.00pm  USD  ISM Manufacturing PMI 
       
Tue 2 Feb  3.30am  AUS  RBA Bank Statement 
  9.45pm  NZD  Employment Change q/q 
  9.45pm  NZD  Unemployment Rate 
       
Wed 3 Feb  9.00am  EUR  Final Services PMI 
  9.30am  EUR  Final Services PMI 
  1.15pm  USD  ADP Non-Farm Employment Change 
  3.00pm  USD  ISM Services PMI 
  3.30pm  USD  US Crude Oil Inventories 
       
Thu 4 Feb  12.00pm  GBP  BoE Monetary Policy Statement 
  12.00pm  GBP  MPC Official Bank Rate Votes 
  12.00pm  GBP  Monetary Policy Statement 
  12.00pm  GBP  Official Bank Rate 
  1.30pm  USD  Unemployment Claims 
  3.30pm  USD  US Natural Gas Inventories 
       
Fri 5 Feb  12.30am  AUD  RBA Monetary Policy Statement 
  1.30pm  CAD  Employment Change 
  1.30pm  CAD  Unemployment Change 
  1.30pm  USD  Average Hourly Earnings m/m 
  1.30pm  USD  Non-Farm Employment Change 
  1.30pm  USD  Unemployment Rate 

 

I principali rapporti sugli utili di questa settimana

Date  Company  Event 
Mon 1 Feb  Nintendo  Q3 2020 Earnings 
  Ryanair  Q3 2021 Earnings 
     
Tue 2 Feb  Amazon  Q4 2020 Earnings 
  Alphabet  Q4 2020 Earnings 
  Pfizer  Q4 2020 Earnings 
  ExxonMobil  Q4 2020 Earnings 
  UPS  Q4 2020 Earnings 
  BP  Q4 2020 Earnings 
  Chubb  Q4 2020 Earnings 
  Ferrari  Q4 2020 Earnings 
  Panasonic  Q3 2021 Earnings 
  Mitsubishi Electric  Q3 2020 Earnings 
  Electronic Arts  Q3 2021 Earnings 
     
Wed 3 Feb  PayPal  Q4 2020 Earnings 
  Siemens AG  Q1 2021 Earnings 
  Sony Corp.  Q3 2020 Earnings 
  GlaxoSmithKline  Q4 2020 Earnings 
  Spotify  Q4 2020 Earnings 
  Volvo  Q4 2020 Earnings 
  MetLife  Q4 2020 Earnings 
  Mitsubishi  Q3 2021 Earnings 
  Hitachi  Q3 2020 Earnings 
  eBay  Q4 2020 Earnings 
     
Thu 4 Feb  Shell  Q4 2020 Earnings 
  Phillip Morris  Q4 2020 Earnings 
  Gilead  Q4 2020 Earnings 
  Activision Blizzard  Q4 2020 Earnings 
  Unilever  Q4 2020 Earnings 
  ABB  Q4 2020 Earnings 
  Pinterest  Q4 2020 Earnings 
  Ford  Q4 2020 Earnings 
  YUM! Brands  Q4 2020 Earnings 
  Motorola  Q4 2020 Earnings 
     
Fri 5 Feb  Linde  Q4 2020 Earnings 
  Estee Lauder  Q3 2021 Earnings 
  BNP Paribas  Q4 2020 Earnings 
  Vinci  Q4 2020 Earnings 
  Aon  Q4 2020 Earnings 
  Carlsberg  Q4 2020 Earnings 
  Assa Abloy  Q4 2020 Earnings 

 

La settimana che ci aspetta: Le riunioni dell’OPEC e i verbali del FOMC

Nella nostra prima edizione dell’anno de “La settimana che ci aspetta” esamineremo alcuni argomenti particolarmente interessanti. L’OPEC+ inizia con la prima delle nuove riunioni mensili di quest’anno il 4 gennaio, mentre i produttori discutono sulla graduale cancellazione dei tagli alla produzione.

Il FOMC pubblica i verbali del suo ultimo incontro: saranno da considerare come linee guida per la ripresa economica degli Stati Uniti? Inoltre, verranno diffusi i dati sui nonfarm payroll statunitensi, che potrebbero mostrare segni di forza del mercato del lavoro negli Stati Uniti.

L’incontro dell’OPEC 

Questa settimana prende il via la prima di una nuova serie di riunioni mensili dei responsabili OPEC e non OPEC, a seguito della decisione di dicembre di rallentare il processo di riduzione della produzione concordato lo scorso anno al fine di sostenere i prezzi.

Questo è il mese in cui i membri dell’OPEC e gli alleati allenteranno leggermente i blocchi, aumentando la produzione. L’OPEC+ ha dato il via libera per estrarre altri 500.000 barili al giorno da gennaio fino almeno a marzo. Il taglio totale della produzione per gennaio sarà di 7,2 milioni di barili al giorno, rispetto al taglio di 7,7 milioni di barili al giorno nell’ultima parte del 2020.

Tuttavia, nonostante i vaccini, le aspettative sulla domanda non sono riuscite a migliorare, perciò resteranno delle pressioni sull’OPEC affinché la situazione venga monitorata da vicino. L’OPEC prevede che la domanda globale di petrolio scenderà di 9,77 milioni di barili al giorno nel 2020 per arrivare a 89,99 milioni di barili al giorno, rispetto agli oltre 90 milioni di barili al giorno previsti nelle stime di novembre.

Oggi la domanda di petrolio per il 2021 è stimata a 95,89 milioni di barili al giorno. Il che corrisponde a 410.000 unità in meno rispetto alle proiezioni originali dell’OPEC pubblicate nel MOMR di novembre. Nel mese di ottobre, l’OPEC aveva stimato la domanda di petrolio nel 2021 in 96,8 milioni di barili al giorno.

Un aspetto chiave del bilanciamento tra prezzo, domanda e produzione sarà la comunione di vedute tra membri e alleati. E’ già stato osservato un po’ di dissenso: ad esempio, l’Arabia Saudita ha deciso di rinunciare alla posizione di presidente che le sarebbe spettata. Alcuni produttori all’interno della sfera di influenza dell’OPEC si attengono fermamente ai propri obiettivi di produzione, indipendentemente dalle limitazioni e dai blocchi.

La Libia ha svelato i suoi piani per aumentare la produzione di petrolio, e in precedenza ha dichiarato che non accetterà alcun limite alla produzione fino a quando non sarà autorizzata a produrre 1,7 milioni di barili al giorno, rispetto ai suoi attuali 1,108 milioni di barili al giorno.

Anche l’Iran ha promesso di aumentare la sua produzione di petrolio a 2,3 milioni di barili al giorno nel 2021, rispetto agli attuali 1,986 milioni di barili al giorno.

I verbali dell’incontro del FOMC 

Sono disponibili i verbali dell’ultima riunione della Fed, che forniscono un’indicazione più chiara relativa ad un possibile dissenso sulla misura in cui il FOMC ritiene di dover ancorare i tassi a lungo termine, fornendo se necessario un ulteriore supporto politico. La domanda per la Fed sta iniziando a ruotare sul commercio di reflazione e sull’aumento dei tassi a lungo termine.

I timori sull’aumento dell’inflazione potrebbero essere un problema per la Fed, poiché potrebbero costringerla a un inasprimento prima del previsto. Sebbene l’obiettivo dell’inflazione media gli dia un certo margine di manovra, presteremo molta attenzione al fatto che i singoli responsabili politici stiano iniziando a preoccuparsi dell’inflazione e della necessità di una maggiore moderazione nella politica monetaria.

I nonfarm payroll 

Venerdì il rapporto sull’occupazione di dicembre chiuderà la settimana, con l’aumento dei casi di Covid negli Stati Uniti che probabilmente peserà sulla domanda, anche se le assunzioni stagionali saranno un fattore da considerare. A novembre negli Stati Uniti sono stati creati altri 245.000 posti di lavoro, mentre il tasso di disoccupazione è sceso al 6,7%. Questa cifra è ben al di sotto rispetto al tasso degli ultimi 6 mesi, e ha indicato un rallentamento delle assunzioni parallelamente all’aumento del numero di casi in tutto il paese.

Tuttavia, i mercati sembrano essere in gran parte felici di tollerare un ritmo più lento della ripresa nel mercato del lavoro, anche se grazie ai vaccini: il rapporto di dicembre guarda al passato e rifletterà i numeri dei casi in aumento e le nuove restrizioni e lockdown in più stati. Inoltre, i dati sui lavori leggeri sottolineano solo la necessità di avere stimoli monetari e fiscali sostenuti: il fatto di essere in una fase di cattive notizie, è una buona notizia in sé.

I ballottaggi in Georgia 

Gli elettori si recheranno alle urne per i ballottaggi in Georgia il 5 gennaio, in una tornata elettorale che deciderà il controllo del Senato per i primi due anni di presidenza di Joe Biden.

L’avvenimento è di eccezionale importanza, poiché un Senato a prevalenza democratica potrebbe significare un passaggio più agevole all’agenda politica di Biden, che punta sull’energia verde e sugli investimenti. Tuttavia, le possibilità di una maggioranza repubblicana, seppur risicata, sembrano piuttosto buone, nonostante l’esigua vittoria dei democratici di novembre alle elezioni presidenziali, il che significherebbe un minor eccesso di regolamentazione fiscale.

Webinar sulle prospettive per il 2021 

Martedì 5 gennaio, 12.00 GMT 

Vuoi sapere quali saranno gli argomenti principali di mercato nell’anno nuovo? Durante questo webinar faremo le domande più importanti al riguardo: Sarà l’inflazione il vero problema? Il mercato azionario britannico riuscirà finalmente a recuperare? I vaccini stimoleranno un ritorno reflazionistico alle normali condizioni di mercato? Partecipa anche tu all’incontro con l’analista capo di mercato Neil Wilson per avere risposte alle grandi domande nel nostro webinar sulle previsioni per il 2021.

Iscriviti

I principali dati economici di questa settimana

Date  Time (GMT)  Currency  Event 
Mon Jan 4th  9.00am  EUR  Final Manufacturing PMI 
       
  9.30am  GBP  Final Manufacturing PMI 
       
  All Day  All  OPEC-JMMC Meeting 
       
  2.30pm  CAD  Manufacturing PMI 
       
  3.00pm  USD  ISM Manufacturing PMI 
       
Tue Jan 5th  9.30am  GBP  Construction PMI 
       
Wed Jan 6th  9.00am  EUR  Final Services PMI 
       
  9.30am  GBP  Final Services PMI 
       
  1.15pm  USD  ADP Nonfarm Employment Change 
       
  3.00pm  USD  ISM Services PMI 
       
  3.30pm  USD  US Crude Oil Inventories 
       
  7.00pm  USD  FOMC Meeting Minutes 
       
Thu Jan 7th  10.00am  EUR  CPI Flash Estimate 
       
  10.00am  EUR  Core CPI Flash Estimate 
       
  1.30pm  USD  Unemployment Changes 
       
  3.30pm  USD  US Natural Gas Inventories 
       
Fri Jan 8th  1.30am  CNH  CPI y/y 
       
  1.30am  CNH  PPI y/y 
       
  1.30pm  CAD  Employment Change 
       
  1.30pm  CAD  Unemployment Rate 
       
  1.30pm  USD  Average Hourly Earnings m/m 
       
  1.30pm  USD  Nonfarm Employment Change 
       
  1.30pm  USD  Unemployment Rate 
       
  3.00pm  CAD  Ivey PMI 

 

I principali rapporti sugli utili di questa settimana

Date  Company  Event 
Mon Jan 4th  State Street Corp.  Q4 2021 Earnings 
     
Wed Jan 6th  RPM International  Q2 2021 Earnings 
     
Thu Jan 7th  Micron Technology  Q1 2021 Earnings 
     
  Constellation Brands  Q3 2021 Earnings 
     
  Walgreens Boots Alliance  Q1 2021 Earnings 
     
  ConAgra Foods  Q2 2021 Earnings 
     
  Lamb Weston Holdings  Q2 2021 Earnings 
     
Fri Jan 8th  Tata Consultancy Services  Q3 2021 Earnings 

Week Ahead: OPEC meets & FOMC releases minutes

In our first week ahead of the year, we’re checking out some particularly meaty topics. OPEC+ begins the first of this year’s new monthly ministerial meetings on Jan 4th as producers discuss gradually unwinding production cuts.  

The FOMC releases its latest meeting minutes – will they be a roadmap for US economic recovery? Plus, US nonfarm payrolls are released, which could show signs of strength in the United States’ job market. 

OPEC meeting 

The first of a new series of monthly meetings of OPEC and non-OPEC ministers kicks of this week, following on from December’s decision to delay the process of tapering production cuts agreed last year to prop up prices. 

This is the month where OPEC members plus allies will ease the stoppers slightly and increase production. OPEC+ has given the greenlight to pump an extra 500,000bpd from January until at least March. The total production cut for January will be 7.2m bpd compared to the 7.7m bpd cut in the latter part of 2020. 

However, demand expectations have failed to improve despite vaccines so pressure will remain on OPEC to monitor the situation closely. OPEC now expects global oil demand to have fallen to 9.77 million barrels per day in 2020 to reach 89.99m bpd, compared to over 90m bpd in its November estimations.  

2021 oil demand is now forecast at 95.89m bpd. That’s down 410,000 from the original OPEC projections published in the November MOMR. In October, OPEC had estimated 2021 oil demand to be 96.8m bpd. 

One key aspect of balancing price vs demand vs production will be member and ally compliance. There has already been a bit of dissention within the ranks, with likes of Saudi Arabia considering giving up its chairman position, for instance. Some producers within OPEC’s sphere of influence are steadfastly sticking to their own production targets, regardless of limits and stops. 

Libya has voiced its plans to increase its oil production and has previously stated that it will not accept any production quota until such a point where it can reliably produce 1.7 million bpd—compared to its current 1.108 million bpd. 

Iran, too, has promised to increase its oil production to 2.3 million bpd in 2021, up from 1.986 million bpd now. 

FOMC Meeting Minutes 

Minutes from the latest Fed meeting are on tap – giving a clearer indication of possible dissension over the extent to which the FOMC feels it needs to anchor long-term rates and whether further policy support is required. The question for the Fed is starting to pivot towards the reflation trade and rising long-term rates. 

Rising inflation expectations may be a problem for the Fed as it could force it into tightening sooner than previously expected. Whilst average inflation targeting gives it some leeway, we’ll be paying close to attention to whether individual policymakers are starting to fret over inflation and the need for more restraint in monetary policy.  

Nonfarm Payrolls 

The December jobs report caps off the week on Friday with surging Covid cases in the US likely to weigh on demand, albeit seasonal hiring will be a factor to considerIn November, a further 245,000 jobs were added to the US economy, whilst the unemployment rate edged down to 6.7%. This was well below the run rate of the last 6 months and indicated a slowing in hiring as case counts rose across the country. 

However, markets seem to be largely happy to overlook a softer pace of recovery in the jobs market though thanks to vaccines – December‘s report is backwards-looking and will reflect surging case numbers and new lockdown restrictions across multiple states. Moreover, soft jobs numbers only underline the need for sustained monetary and fiscal stimulus – we’re in a bad news is good news phase. 

Georgia Runoffs 

Voters will go to the polls for the Georgia Runoffs on January 5th in an election that will decide control of the Senate for the first two years of Joe Biden’s presidency. 

This will be exceptionally important, as a Blue Senate should mean easier passage of Biden’s agenda, which is pointed towards green energy and investment. However, the chances of a slim Republican majority seem pretty gooddespite November’s slim Democrat victory in the presidential elections, which would mean less regulatory and tax overhang. 

Outlook 2021 webinar 

Tuesday 5th January, 12.00 GMT 

Want to know what the key market topics will be in the new year? We’re asking the big questions with this webinar: Will inflation be the dog that finally barks? Will the UK stock market finally catch up? Will vaccines spur a reflationary return to normal environment? Join chief market analyst Neil Wilson to get the answers to the big questions in our 2021 Outlook. 

Sign up 

Major economic data 

Date  Time (GMT)  Currency  Event 
Mon Jan 4th  9.00am  EUR  Final Manufacturing PMI 
       
  9.30am  GBP  Final Manufacturing PMI 
       
  All Day  All  OPEC-JMMC Meeting 
       
  2.30pm  CAD  Manufacturing PMI 
       
  3.00pm  USD  ISM Manufacturing PMI 
       
Tue Jan 5th  9.30am  GBP  Construction PMI 
       
Wed Jan 6th  9.00am  EUR  Final Services PMI 
       
  9.30am  GBP  Final Services PMI 
       
  1.15pm  USD  ADP Nonfarm Employment Change 
       
  3.00pm  USD  ISM Services PMI 
       
  3.30pm  USD  US Crude Oil Inventories 
       
  7.00pm  USD  FOMC Meeting Minutes 
       
Thu Jan 7th  10.00am  EUR  CPI Flash Estimate 
       
  10.00am  EUR  Core CPI Flash Estimate 
       
  1.30pm  USD  Unemployment Changes 
       
  3.30pm  USD  US Natural Gas Inventories 
       
Fri Jan 8th  1.30am  CNH  CPI y/y 
       
  1.30am  CNH  PPI y/y 
       
  1.30pm  CAD  Employment Change 
       
  1.30pm  CAD  Unemployment Rate 
       
  1.30pm  USD  Average Hourly Earnings m/m 
       
  1.30pm  USD  Nonfarm Employment Change 
       
  1.30pm  USD  Unemployment Rate 
       
  3.00pm  CAD  Ivey PMI 

 

Key earnings data 

Date  Company  Event 
Mon Jan 4th  State Street Corp.  Q4 2021 Earnings 
     
Wed Jan 6th  RPM International  Q2 2021 Earnings 
     
Thu Jan 7th  Micron Technology  Q1 2021 Earnings 
     
  Constellation Brands  Q3 2021 Earnings 
     
  Walgreens Boots Alliance  Q1 2021 Earnings 
     
  ConAgra Foods  Q2 2021 Earnings 
     
  Lamb Weston Holdings  Q2 2021 Earnings 
     
Fri Jan 8th  Tata Consultancy Services  Q3 2021 Earnings 

La settimana che ci aspetta: Trump e Biden si affrontano nel primo dibattito presidenziale

E’ una settimana importante per i mercati finanziari, perché martedì si terrà il primo dibattito per la presidenza degli Stati Uniti. Donald Trump ha speso molto tempo ad attaccare le capacità mentali di “Sleepy Joe” (“Joe l’addormentato”), ma ha volutamente posto l’asticella troppo in basso per il suo avversario, o gli strafalcioni verbali di Biden lo vedranno mettere su uno spettacolo scadente?

Dopo che i due candidati avranno discusso sull’economia, riceveremo un altro aggiornamento sul mercato del lavoro quando venerdì verrà pubblicato il rapporto sui nonfarm payrolls.

Probabili fuochi d’artificio al primo dibattito per la presidenza degli Stati Uniti

I rischi principali che gravano attorno alle elezioni presidenziali statunitensi aumenteranno questa settimana poiché il presidente Donald Trump e il candidato democratico Joe Biden si preparano al primo dibattito presidenziale il 29 settembre. Gli argomenti possono cambiare in base agli ultimi eventi, ma al momento della stesura la commissione di dibattito ha annunciato il seguente programma:

  • Le testimonianze di Trump e Biden
  • La Corte Suprema
  • Il Covid-19
  • L’economia
  • Razza e violenza nelle nostre città
  • L’integrità dell’elezione

Si tratta di un elenco pieno di punti controversi. Tuttavia, anche con argomenti così importanti, riusciranno i dibattiti a far oscillare l’opinione di un elettorato così altamente polarizzato?

Biden sopravanza Trump del 7,1% nei sondaggi nazionali, in base ai nostri esperti di sondaggi elettorali. Si è parlato molto della sua età e dei suoi strafalcioni verbali, e c’è il rischio che si ritrovi soverchiato dallo stile comunicativo aggressivo di Trump.

Tuttavia, grazie a mesi in cui il presidente ha attaccato le abilità mentali di “Sleepy Joe”, alcuni repubblicani temono che Trump abbia effettivamente fissato un livello troppo basso per Biden.

I nonfarm payroll

Pochi giorni dopo il dibattito tra Trump e Biden sullo stato dell’economia, potremo osservare da un altro lato la salute del mercato del lavoro. Ad agosto la crescita dei salari è stata leggermente inferiore alle previsioni, attestandosi a 1,371 milioni contro le aspettative di 1,4 milioni.

Degli oltre 22 milioni di americani che hanno perso il lavoro all’inizio della pandemia, 11,5 milioni sono ancora senza lavoro. C’è ancora molta strada da fare prima che il mercato del lavoro si riprenda e alcuni analisti si aspettano che il numero dei nuovi posti di lavoro sia nuovamente calato.

L’inflazione, gli indici Caixin e ISM, i dati sulla crescita definitivi

Tra gli altri dati al centro dell’attenzione la prossima settimana ci saranno i rapporti sull’inflazione flash della Germania e dell’Eurozona e il l’indice cinese Caixin Manufacturing PMI. Giovedì sarà una giornata campale per i dati americani, con un’agenda composta dal core PCE, dai dati sui redditi personali e sulla spesa personale, dalle nuove richieste di sussidio di disoccupazione e dai rinnovi, e infine dall’indice PMI manifatturiero ISM.

I dati definitivi relativi alla crescita trimestrale degli Stati Uniti e del Regno Unito e quelli relativi agli indici PMI manifatturieri dagli Stati membri dell’eurozona e dal Regno Unito potrebbero suscitare un certo interesse qualora tali dati differissero notevolmente dalle letture iniziali.

Utili: McCormick, Micron, PepsiCo, Constellation Brands

Martedì ci saranno gli ultimi rapporti sugli utili da parte di McCormick & Co prima dell’apertura della borsa di New York e di Micron Technology dopo la sua chiusura.

McCormick ha perso il 12% dal massimo raggiunto il primo settembre, ma resta sempre sopra del 65% rispetto ai minimi del mese di marzo. Sia gli hedge fund che i company insider hanno venduto il titolo di recente, che è scambiato al 9% in meno rispetto al suo obiettivo di prezzo medio a Wall Street.

D’altro canto, Micron Technology registra un guadagno del 27%, sebbene anch’essa abbia patito forti vendite nell’ultimo trimestre.

Giovedì sia PepsiCo che Constellation Brands pubblicheranno i propri rapporti prima dell’inizio della sessione di scambi. Dopo il recupero di marzo PepsiCo ha faticato a mantenersi sopra i livelli di apertura, e attualmente segna più di un -4% sull’anno. E’ possibile scaricare le ultime ricerche sul titolo da parte di Thompson Reuters sulla piattaforma.

Constellation Brands è rimasta virtualmente piatta per tutto l’anno. Gli analisti prevedono un rialzo del 9% per il titolo.

In evidenza su XRay questa settimana

Leggi il programma completo dell’analisi e formazione del mercato finanziario.

17.00 UTC 28⁠-⁠Sep Blonde Markets
17.00 UTC 29⁠⁠⁠⁠-⁠⁠⁠⁠⁠⁠⁠Sep Webinar: Money Management and Trading Psychology
11.00 UTC 30⁠⁠⁠-⁠⁠⁠⁠⁠⁠⁠Sep Midweek Lunch Wrap
17.00 UTC 01-Oct Election2020 Weekly

Eventi economici principali

Presta attenzione agli eventi più importanti sul calendario economico di questa settimana. Un calendario completo degli eventi economici e aziendali è disponibile sulla piattaforma.

23.50 UTC 28-Sep Bank of Japan Summary of Opinions
Pre-Market 29-Sep McCormick & Co – Q3 2020
12.00 UTC 29-Sep German Flash Inflation
14.00 UTC 29-Sep US CB Consumer Confidence
23.50 UTC 29-Sep Japan Preliminary Industrial Production / Retail Sales
After-Market 29-Sep Micron Technology – Q4 2020
01.45 UTC 30-Sep China Caixin Manufacturing PMI
06.00 UTC 30-Sep UK Finalised Quarterly GDP
09.00 UTC 30-Sep Eurozone Flash Inflation Data
12.30 UTC 30-Sep US Finalised Quarterly GDP
14.30 UTC 30-Sep US EIA Crude Oil Inventories
07.15 – 08.00 UTC 01-Oct Eurozone Final Manufacturing PMIs
08.30 UTC 01-Oct UK Final Manufacturing PMI
Pre-Market 01-Oct PepsiCo – Q3 2020
Pre-Market 01-Oct Constellation Brands – Q2 2021
12.30 UTC 01-Oct US Core PCE, Personal Income, Personal Spending, Jobless Claims
14.00 UTC 01-Oct US ISM Manufacturing PMI
14.30 UTC 01-Oct US EIA Natural Gas Storage
01.30 UTC 02-Oct Australia Retail Sales
12.30 UTC 02-Oct US Nonfarm Payrolls Report
14.00 UTC 02-Oct Finalised University of Michigan Sentiment

La settimana che ci aspetta: Frazionamento azionario di AAPL & TSLA, rimpasto del Dow Jones, focus sui nonfarm payrolls americani

Cosa succederà ad Apple e a Tesla una volta che i loro frazionamenti azionari saranno in vigore? Come reagirà il nuovo Dow Jones alle ultime novità del mercato? Riusciranno le buste paga del settore non agricolo a confermare il trend in forte crescita?

I frazionamenti di Apple e Tesla

Questa settimana Apple e Tesla inizieranno ad essere scambiate con i nuovi prezzi dopo aver completato i loro recenti frazionamenti azionari. AAPL calerà di un quarto, TSLA di un quinto. Entrambe le azioni hanno visto dei forti apprezzamenti dopo l’annuncio dei frazionamenti, con Apple che è cresciuta sopra quota 500 USD per azione la settimana scorsa, e Tesla che continua a salire fino ad aver superato di recente il valore di 2000 USD.

Spesso le azioni calano di valore dopo un frazionamento perché chi le possiede vende le azioni in eccesso per realizzare qualche profitto dopo un apprezzamento del valore, ma ciò potrebbe essere solo una situazione temporanea. Apple presenterà presto la sua ultima gamma di iPhone, compresi i modelli 5G di cui si è parlato a lungo. L’atteso evento Battery Day di Tesla, previsto per il 22 settembre, potrebbe essere la scena dell’annuncio dell’azienda di nuove innovazioni per migliorare la gamma e le prestazioni delle sue auto.

Potrai saperne di più sui frazionamenti azionari e su come influiscono gli scambi cliccando qui.

Il nuovo look del Dow Jones Industrial Average

A seguito del frazionamento azionario di Apple, il Dow Jones Industrial Average sarà un’entità diversa a partire da questa settimana. Il Dow Jones è un indice ponderato sul prezzo, a differenza dello S&P 500 che è basato sulla capitalizzazione di mercato, perciò il calo del prezzo pari al 75% del valore azionario di Apple ha determinato parecchi cambiamenti.

Per prima cosa, Apple non avrà più l’importanza che aveva prima all’interno dell’indice, e passerà dal primo a circa il diciassettesimo posto. Ciò significa che la volatilità dell’azione avrà un impatto inferiore sul Dow Jones rispetto al passato. United Health diventerà l’azione più importante nell’indice, e di conseguenza avrà più importanza.

Inoltre, molte azioni sono state escluse dall’indice per far posto a nuove al fine di mantenere la sua composizione all’incirca con un quarto di azioni del settore tecnologico. Puoi leggere altre informazioni relative ai cambiamenti qui.

Gli utili di Zoom Video Communications

Sin dall’inizio della pandemia Zoom è diventato uno strumento fondamentale per tutte le aziende del mondo. Zoom ha inoltre visto un rapido aumento nell’utilizzo per motivi personali, con i propri utenti che l’hanno sfruttato per fare qualsiasi cosa, dagli appuntamenti galanti alle trasmissioni in streaming di matrimoni e persino di funerali. Il numero degli utilizzatori è aumentato del 354% su base annua nel primo trimestre, con entrate in crescita del 169%.

Il risultato è stato che gli investitori hanno preso d’assalto il titolo, facendo salire ZM del 330% fino a questo punto dell’anno.

Stavolta gli analisti prevedono un fatturato di quasi 500 milioni di USD, con utili per azione pari a 0,45 USD, il che equivarrebbe a una crescita annua del 462,5%.

La Reserve Bank of Australia taglierà il tasso di interesse di riferimento?

Questa settimana si riunirà la Reserve Bank of Australia. Il mese scorso i responsabili politici hanno aumentato il Quantitative Easing e hanno riconosciuto che la decisione di attuare un blocco completo nello stato di Victoria, il secondo più grande per popolazione e produzione, avrebbe determinato un forte contraccolpo economico, ma hanno lasciato invariati i tassi di interesse.

I future sui tassi di cassa ASX mostrano che una maggioranza risicata dei partecipanti al mercato si aspetta che questa volta la Reserve Bank of Australia riduca i tassi allo 0%. Tuttavia, il governatore Philip Lowe ha già ventilato l’idea di un taglio dei tassi allo 0,1% qualora ulteriori correzioni si rendessero necessarie, perciò anche se i responsabili delle politiche vedessero il bisogno di un ulteriore easing, potrebbero decidere di non arrivare fino ad un taglio completo dei tassi.

Rapporto sui nonfarm payroll statunitensi

Nella giornata di venerdì i dati sui nonfarm payroll statunitensi saranno ovviamente al centro dell’attenzione. Ancora una volta, la crescita dei posti di lavoro ha superato le previsioni del mese scorso, anche se il tasso di recupero si è fermato a 1.763 milioni dal momento che il rialzo dei casi di coronavirus ha rallentato le assunzioni.

I recenti dati sulle richieste di sussidio di disoccupazione hanno continuato a mostrare un calo del numero delle richieste, sia di quelle nuove che dei rinnovi: il numero di persone che per la prima volta hanno fatto ricorso all’assicurazione per disoccupati è sceso al di sotto di 1 milione per la prima volta dall’inizio della pandemia nella settimana conclusasi l’8 agosto. La media mensile delle richieste è in costante calo da diverse settimane, così come il numero richieste di rinnovo.

In evidenza su XRay questa settimana

Leggi il programma completo dell’analisi e formazione del mercato finanziario.

07.15 UTC Daily European Morning Call
12.00 UTC 31⁠⁠-⁠⁠⁠Aug Master the Markets
From 15.30 UTC 1-Sep Weekly Gold, Silver, and Oil Forecasts
17.00 UTC 3-⁠⁠⁠Sep Election2020 Weekly

Eventi economici principali

Presta attenzione agli eventi più importanti sul calendario economico di questa settimana:

12.00 UTC 31-Aug German Preliminary CPI
After-Market 31-Aug Zoom Video Communications – Q2 2021
00.45 UTC 01-Sep China Caixin Manufacturing PMI
4.30 UTC 01-Sep RBA Official Cash Rate Decision
7.15 – 8.00 UTC 01-Sep Finalised Eurozone Manufacturing PMIS
8.30 UTC 01-Sep Finalised UK Manufacturing PMI
10.00 UTC 01-Sep Eurozone Flash CPI
14.00 UTC 01-Sep US ISM Manufacturing PMI
1.30 UTC 02-Sep Australia Quarterly GDP
14.30 UTC 02-Sep US EIA Crude Oil Inventories
1.30 UTC 03-Sep Australia Trade Balance
00.45 UTC 03-Sep China Caixin Services PMI
7.15 – 8.00 UTC 03-Sep Finalised Eurozone Services PMIs
8.30 UTC 03-Sep Finalised UK Services PMI
12.30 UTC 03-Sep US Jobless Claims
14.00 UTC 03-Sep US ISM Nonmanufacturing PMI
14.30 UTC 03-Sep US EIA Natural Gas Storage
1.30 UTC 04-Sep Australia Retail Sales
6.00 UTC 04-Sep German Factory Orders
12.30 UTC 04-Sep US Nonfarm Payrolls, Unemployment Rate

CySEC (Europa)

Prodotto

  • CFD
  • Negoziazione di azioni
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Compensazione FSCS per l’Investitore fino a EUR 20.000
  • Copertura assicurativa da €1.000.000**
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com, gestito da Safecap Investments Limited (“Safecap”) Regolamentato dalla CySEC con licenza numero 092/08 e dalla FSCA con licenza numero 43906.

FSC (Globale)

Prodotto

  • CFD
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Verifica elettronica
  • Protezione dal Saldo Negativo
  • Copertura assicurativa da $1.000.000**

Markets.com, gestito da Finalto (BVI) Limited (“Finalto BVI”) Tiene la licencia número SIBA/L/14/1067 regolamentato dalla B.V.I Financial Services Commission (“FSC").

FCA (Gran Bretagna)

Prodotto

  • CFD
  • Le spread bet
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Indennizzo agli investitori della FSCS fino a GBP85.000. *a seconda di criteri ed idoneità
  • Copertura assicurativa da £1.000.000**
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com gestito da Finalto Trading Limited Regolamentato dalla Financial Conduct Authority (“FCA”) con licenza n.607305

ASIC (Australia)

Prodotto

  • CFD

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Verifica elettronica
  • Protezione dal Saldo Negativo
  • Copertura assicurativa da $1.000.000**

Markets.com, gestito da Finalto (Australia) Pty Limited Detiene una licenza per i servizi finanziari australiana n. 424008 ed è regolamentata nella fornitura di servizi finanziari dell’Australian Securities and Investments Commission (ASIC”).

Selezionando uno di questi organismi di regolamentazione, verranno visualizzate le informazioni corrispondenti su tutto il sito web. Se vuoi visualizzare le informazioni per un organismo di regolamentazione diverso, selezionalo. Per maggiori informazioni, clicca qui.

**Soggetto a termini e condizioni. Consulta la polizza integrale per maggiori dettagli.

 

Ti sei perso?

Abbiamo rilevato che sei sul sito . Dal momento che ti stai collegando dall’, valuta se effettuare nuovamente l’accesso al sito , soggetto alle misure di intervento sul prodotto dell’. Pur rimanendo libero di navigare su queste pagine su tua esclusiva iniziativa, visualizzando il sito per il tuo paese potrai consultare le informazioni di regolamentazione pertinenti e le protezioni fornite dall’azienda scelta. Vuoi essere reindirizzato al sito ?