La settimana che ci aspetta: Occhi puntati sulle speranze per un vaccino e sui guadagni di Tesla

In arrivo questa settimana – Tesla riuscirà a fare abbastanza per giustificare le sue imponenti valutazioni con il rilascio degli utili del secondo trimestre?

I guadagni di Tesla nel secondo trimestre

Tesla (TSLA) ha avuto performance eccezionali nel 2020, con un aumento del 270% da inizio anno. Negli ultimi 12 mesi, il valore delle sue azioni è cresciuto di oltre il 500% in quello che può essere descritto solo come uno dei più sorprendenti casi di successo nella storia. In questo periodo l’indice S&P 500 ha guadagnato circa il 7%. Le valutazioni si sprecano e le azioni vengono scambiate nel comparto tecnologico, e qualcuno potrebbe dire a buon motivo, ma l’interesse a breve termine sulle azioni (la percentuale di azioni date in prestito ai trader che scommettono sulla caduta dei prezzi del titolo) rimane relativamente alto al 7,5%.

Le azioni di Tesla sono cresciute vertiginosamente nell’ultimo anno 

Ma questa settimana siamo ritornati all’inizio, con Tesla che riferisce i risultati finanziari del secondo trimestre 2020. Il 22 luglio è probabile che la società registri il quarto profitto trimestrale consecutivo, il che le consentirebbe di entrare nell’indice S&P 500 e potrebbe inoltre spiegare il recente rialzo, dovuto al fatto che i fondi di investimento avevano deciso di acquistarne una parte.

Il titolo è salito ai massimi storici vicino a 1.800 USD dopo che la società ha dichiarato di aver consegnato 90.650 veicoli nel secondo trimestre, ben oltre ciò che l’azienda aveva indicato, e oltre l’aspettativa di TheStreet di 83.000 veicoli. La società ha aumentato con successo la produzione nel suo sito di Fremont e lo stabilimento di Shanghai è tornato in attività dopo essere stato costretto a chiudere nel primo trimestre a causa del Covid. Le vendite in Cina stanno risalendo, con quasi 12.000 Tesla Model 3S vendute a maggio. Il titolo ha anche visto un rialzo dopo che Wedbush Securities ha aumentato il suo obiettivo di prezzo sul titolo a 1.250 USD da 1.000 USD, mentre lo scenario rialzista ha ottenuto un PT di 2.000 USD.

Gli analisti restano divisi su Tesla… 

…ma gli hedge fund hanno aumentato le loro partecipazioni

Questa settimana altri profitti da tenere d’occhio arriveranno da Microsoft, Coca-Cola e Unilever.

I risultati del vaccino di AstraZeneca e dell’Università di Oxford

Le speranze per lo sviluppo di un vaccino continuano a sostenere il sentiment del mercato azionario nonostante i segnali di una ripresa più lenta rispetto al rimbalzo a forma di V che tutti auspicavano. Molte speranze sono riposte nel vaccino sperimentale in corso di sviluppo da parte di AstraZeneca e dell’Università di Oxford – i risultati degli studi clinici della prima fase sono previsti per lunedì e potrebbero dare indicare l’andamento per il resto della settimana sui mercati azionari.

Sarà opportuno verificare anche la reazione delle azioni di AstraZeneca, che quest’anno si sono fortemente rafforzate, facendolo diventare il maggiore titolo dell’indice FTSE 100.

Dati economici da osservare

Come sempre giovedì, prevediamo un importante aggiornamento dagli Stati Uniti che contribuirà a mostrare il ritmo della riapertura e della ripresa economica attraverso il filtro delle richieste settimanali di disoccupazione nuove e rinnovate.

Venerdì avremo i dati sulle vendite al dettaglio nel Regno Unito relativi al mese di giugno, che dovrebbero mostrare miglioramenti dopo un rimbalzo del 12% a maggio che ha fatto seguito al calo del 18% ad aprile al culmine del lockdown.

Venerdì verranno pubblicati anche gli ultimi flash del PMI per l’Eurozona, che un mese fa aveva mostrato un rialzo dignitoso. I PMI, che sono indici di diffusione, sono messi particolarmente a dura prova dalla velocità e dalla dimensione della contrazione economica. Quindi, anche se possono avere un’andatura a forma di V, ciò non significa necessariamente che il recupero sia anch’esso a forma di V. L’indice PMI chiede ai partecipanti al sondaggio se ritengono che le cose siano migliori o peggiori rispetto al mese precedente, quindi forniscono un’istantanea piuttosto imperfetta dell’attività economica in tempi di crisi. Un valore superiore a 50 ci dice solo che la situazione è migliore rispetto al mese precedente, dato che in questo momento non è difficile da superare.

In evidenza su XRay questa settimana

Leggi il programma completo dell’analisi e formazione del mercato finanziario.

07.15 UTC Daily European Morning Call
17.00 UTC 20-Jul Blonde Markets
From 15.30 UTC 21-Jul Weekly Gold, Silver, and Oil Forecasts
14.45 UTC 23-Jul Master the Markets with Andrew Barnett
17.00 UTC 23-Jul Introduction to Currency Trading – Is it For Me?

Top Earnings Reports this Week

Here are some of the biggest earnings reports scheduled for this week:

After-Market 20-Jul IBM – Q2
07.00 GMT 21-Jul UBS – Q2
Pre-Market 21-Jul Coca-Cola Co – Q2
Pre-Market 21-Jul Philip Morris – Q2
Pre-Market 22-Jul Biogen – Q2
After-Market 22-Jul Tesla – Q2
After-Market 22-Jul Microsoft – Q2
After-Market 22-Jul Gilead Sciences – Q2
07.00 GMT 23-Jul Unilever – Q2
Pre-Market 23-Jul AT&T – Q2
Pre-Market 23-Jul Twitter – Q2
After-Market 23-Jul Intel – Q2
23-Jul Southwest Airlines – Q2
Pre-Market 24-Jul Verizon – Q2
Pre-Market 24-Jul American Express – Q2

Key Events this Week

Watch out for the biggest events on the economic calendar this week:

01.30 GMT 21-Jul RBA Monetary Policy Meeting Minutes
02.30 GMT 21-Jul RBA Governor Lowe Speech
12.30 GMT 21-Jul Canada Retail Sales
00.30 GMT 22-Jul Japan Flash Manufacturing PMI
01.30 GMT 22-Jul Australia Retail Sales
12.30 GMT 22-Jul Canada CPI
14.30 GMT 22-Jul US EIA Crude Oil Inventories
06.00 GMT 23-Jul German GfK Consumer Climate
12.30 GMT 23-Jul US Weekly Jobless Claims
14.30 GMT 23-Jul US EIA Natural Gas Storage
06.00 GMT 24-Jul UK Retail Sales
07.15-08.00 GMT 24-Jul Flash Eurozone Services, Manufacturing PMIs
08.30 GMT 24-Jul Flash UK Services, Manufacturing PMIs
13.45 GMT 24-Jul US Flash Manufacturing PMI

La settimana che ci aspetta: Cresce la pressione sulla RBA affinché vada in negativo, grandi speranze per l’ISM statunitense

In arrivo questa settimana – Riusciranno le vendite al dettaglio dell’Eurozona a seguire le lo sconvolge risultato della Germania? L’indice americano ISM non manifatturiero tornerà alla crescita rispetto alle aspettative? Infine, la pressione sulla RBA riuscirà a spingere i tassi di interesse in territorio negativo?

Continua a leggere per l’elenco completo degli eventi chiave da osservare questa settimana.

Fiducia nell’Eurozona e vendite al dettaglio

Il mese scorso è migliorata la fiducia degli investitori nell’Eurozona, anche se l’indice Sentix non ha raggiunto le aspettative con un aumento da -41,8 a -24,8 contro le previsioni di un rimbalzo a -22,5.

Tale indice ha comunque visto un forte rimbalzo, dopo che l’indice di maggio si era mosso a malapena e i partecipanti avevano segnalato un outlook molto più positivo di prima. Da allora abbiamo avuto molti dati positivi sia sui PMI che sulle vendite al dettaglio tedesche che hanno superato le previsioni, con una crescita del 13,9% nel mese di maggio, contro le aspettative del 3,9%, il che potrebbe favorire un altro aumento della fiducia nella giornata di lunedì, quando verranno pubblicati i prossimi dati.

Anche i dati sulle vendite al dettaglio dell’Eurozona sono previsti per lunedì. Si prevede una crescita del 7,8% sul mese dopo il calo dell’11,7% di maggio.

Ritorno alla crescita a sorpresa per l’indice ISM non manifatturiero degli Stati Uniti?

La settimana scorsa l’indice ISM manifatturiero statunitense ha infranto le aspettative con ritornando sorprendentemente in crescita. Gli economisti si aspettavano che l’indice si assestasse a 49,5, appena al di sotto del livello 50 che indica l’assenza di cambiamenti, ma l’indice invece è balzato a 52,6, con la maggior parte delle industrie che hanno riportato un movimento in espansione, in particolare con miglioramenti nell’occupazione, nella produzione e nei nuovi ordini.

Si prevede che l’indice non manifatturiero di questa settimana migliorerà da 45,4 a 49, ma dopo la forza dimostrata dalla controparte manifatturiera, i mercati spereranno di registrare anche qui una lettura superiore a 50, al fine di rafforzare le speranze di una rapida ripresa per l’economia degli Stati Uniti.

I mercati scommettono sul taglio dei tassi della Reserve Bank of Australia

La Reserve Bank of Australia ha mantenuto i tassi di interesse allo 0,25% durante l’ultima riunione politica. I future sui tassi di cassa interbancari ASX a 30 giorni mostrano che il mercato sta valutando con una probabilità del 60% che la RBA ridurrà i tassi allo 0% durante la prossima riunione del consiglio. In questo modo i tassi sarebbero effettivamente negativi, azione che i decisori politici sono stati riluttanti ad intraprendere.

Tuttavia, la pressione sta aumentando dopo che picchi localizzati nelle infezioni da Coronavirus hanno costretto il governo a bloccare alcune zone di Melbourne. Un’ulteriore diffusione delle infezioni potrebbe ostacolare la ripresa economica in Australia, costringendo la RBA a studiare nuovi incentivi.

Utili societari: Paychex, Walgreens Boots Alliance

Paychex dovrebbe registrare utili per 0,61 USD per azione nel trimestre chiuso a maggio 2020, in calo del 3,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Le entrate sono previste in calo del 7% rispetto al quarto trimestre dell’anno fiscale precedente a 911 milioni di USD. Il titolo si è mosso per lo più insieme all’indice S&P 500 per tutto l’anno, anche se dal selloff di marzo Paychex ha faticato a recuperare le perdite con la stessa rapidità, con un calo del 10% sull’anno, rispetto alla perdita del 4% dell’indice S&P 500.

Le azioni di Walgreens Boots Alliance sono cresciute dell’11% rispetto al minimo ad un anno, ma restano più basse di oltre il 30% dal 1° gennaio. Secondo una ricerca di Thompson Reuters, il titolo ha una valutazione “Hold” media per 21 analisti: è possibile scaricare il report completo dalla scheda Statistiche chiave nella piattaforma. I guadagni del terzo trimestre sono attesi prima dell’apertura dei mercati il 9 luglio.

Le richieste settimanali di disoccupazione negli Stati Uniti rimangono al centro dell’attenzione

Le cifre delle richieste di sussidi di disoccupazione settimanali negli Stati Uniti si sono dimostrate ostinatamente elevate nelle ultime settimane, nonostante siano scese significativamente dal massimo record di 6,6 milioni registrato il 5 aprile. Tuttavia, mentre le richieste iniziali hanno continuato a deludere rispetto alle previsioni, il numero di richieste ripetute è sceso un po’ più del previsto – anche se il dato di 19,5 milioni rimane notevolmente elevato e mostra che c’è ancora molto da fare per cercare di tornare a livelli di occupazione normali.

Gli ultimi dati sono previsti per giovedì.

In evidenza su XRay questa settimana

Leggi il programma completo dell’analisi e formazione del mercato finanziario.

07.15 UTC Daily European Morning Call
20.00 UTC 06-Jul 10 Trading Rules to Live By
From 15.30 UTC 07-Jul Weekly Gold, Silver, and Oil Forecasts
17.00 UTC 08-Jul Blonde Markets
09.00 UTC 09-Jul How to Use the 200-day Moving Average Indicator

 

Eventi economici principali

Presta attenzione agli eventi più importanti sul calendario economico di questa settimana:

08.30 UTC 06-Jul Eurozone Sentix Investor Confidence Index
09.00 UTC 06-Jul Eurozone Retail Sales
14.00 UTC 06-Jul US ISM Nonmanufacturing
14.30 UTC 06-Jul CA BOC Business Outlook Survey
04.30 UTC 07-Jul RBA Official Cash Rate Decision
06.00 UTC 07-Jul German Industrial Production
Pre-Market 07-Jul Paychex – Q4 2020
After-Market 07-Jul Levi’s – Q2 2020
05.00 UTC 08-Jul Japan Eco Watchers Survey
14.30 UTC 08-Jul US EIA Crude Oil Inventories
08-Jul FirstGroup – Q4 2020 (Preliminary)
Pre-Market 09-Jul Walgreens Boots Alliance – Q3 2020
12.30 UTC 09-Jul US Weekly Jobless Claims
14.30 UTC 09-Jul US EIA Natural Gas Storage
12.30 UTC 10-Jul Canada Employment Change & Unemployment Rate

La prossima settimana: tempo di decisioni per le Banche centrali e batosta per l’NFP a causa della COVID-19

Il calendario economico è ricco di dati di rilievo questa settimana, a partire dai dati PMI manifatturieri da Cina e Stati Uniti. La RBA, BOC e BCE annunceranno le proprie decisioni di politica, con la BCE che potrebbe fare qualcosa in più per innervosire la Germania. Naturalmente la settimana si concluderà con gli ultimi dati NFP Usa.

Dati PMI manifatturieri Caixin dalla Cina – Il dato headline rispecchierà la situazione corrente?

Il PMI manifatturiero Caixin cinese è scivolato in territorio negativo ad aprile, mancando le aspettative di mercato di un’altra lettura appena oltre la soglia di 50. Uno sguardo ai sotto-indici dipinge un quadro alquanto contrastante rispetto al dato headline.

I nuovi ordini sono scivolati per il terzo mese consecutivo e gli ordini per l’esportazione sono calati al ritmo più sostenuto dal dicembre 2008. Gli arretrati di ordini sono aumentati, mentre i tempi di consegna dei fornitori sono andati migliorando e i costi alla produzione sono calati grazie al crollo dei prezzi del petrolio, spingendo così il dato headline al rialzo.

Si prevede che la lettura di maggio rimanga di poco sotto la soglia di 50, ma sarà ancora una volta l’andamento di tali sotto-indici a chiarire com’è la situazione. Sembrerebbe che l’industria cinese debba fare ancora molto prima di poter tornare a crescere come prima.

I dati PMI ISM USA potrebbero stabilizzarsi

Il settore manifatturiero USA è crollato lo scorso mese, con l’indice che è affondato dai 49.1 di marzo a 41.5. Nonostante si tratti del peggior calo dall’aprile 2009, la lettura è risultata comunque migliore delle aspettative del mercato di 36.9, anche se ciò è stato dovuto ad un aumento dei tempi di consegna dei fornitori. Nonostante ciò sia generalmente segno di una solida economia, in questo caso il dilatarsi dei tempi è stato dovuto ad ammanchi nell’approvvigionamento a causa della pandemia della COVID-19.

Si prevede che la situazione si possa essere stabilizzata a maggio, ma probabilmente passerà del tempo prima di poter tornare a crescere, evidenziata da con una lettura superiore a 50 dell’indice. Oxford Economics non prevede che le perdite di produzione possano essere recuperate prima del 2021.

Il calo del settore non manifatturiero dovrebbe essere più moderato, con una previsione di un aumento da 41.8 a 44.2.

Decisioni dei tassi di interesse di RBA, BOC e BCE

La Reserve Bank of Australia è la prima di tre banche centrali ad avere il proprio incontro di politica monetaria questa settimana. I tassi sono già ad un minimo record dello 0.25%, quindi praticamente a zero e il Consiglio direttivo non è intenzionato a portarli in negativo.

I ASX 30 Day Interbank Cash Rate Future per il mese di giugno mostrano che i mercati stanno prezzando una probabilità di circa il 50% di un taglio dei tassi a zero, ma molti analisti ritengono che la RBA abbia già adottato tutte le misure che intende mettere in campo e che i tassi rimarranno invariati per due o tre anni.

L’annuncio dei tassi di questa settimana della Bank of Canada coincide con l’inizio del mandato di Tiff Macklem come nuovo governatore della BoC. La vice-governatore senior Carolyn Wilkins di recente ha indicato che la BOC potrebbe mettere mano al programma di acquisto asset al fine di stimolare l’economia, al posto di aumentare semplicemente la liquidità sui mercati finanziari, ma i policymaker potrebbero non essere ancora pronti per una tale mossa.

Si prevede che la Banca centrale europea lasci invariati i tassi, anche se è probabile che il programma temporaneo di acquisto per l’emergenza pandemica (pandemic emergency purchase programme PEPP) venga esteso ed espanso. Nella conferenza stampa a lato dell’incontro è probabile che Christine Lagarde riceva domande sulla sentenza tedesca inerente il programma di alleggerimento quantitativo della BCE.

La scorsa settimana Isabel Schnabel, un membro del Consiglio della BCE nominato a gennaio, ha indicato che starà alla Bundesbank e al governo tedesco risolvere la questione.

“Sono certa che vi sarà un dialogo tra la Bundesbank, il parlamento tedesco e il governo tedesco, e si troverà una soluzione” ha commentato Schnabel al Financial Times la scorsa settimana. “Se la BCE può essere costruttiva nel supportare tale processo, naturalmente lo farà”.

PIL trimestrale australiano: la fine di tre decenni di crescita

I dati economici del primo trimestre dovrebbero evidenziare che l’economia australiana si è contratta del -0.8% a livello trimestrale e del -1.2% a livello annuale. Si prevede che l’Australia scivoli in zona di recessione per la prima volta in tre decenni quest’anno, per un calo del 10% del PIL.

La scorsa settimana il premier Scott Morrison ha presentato il programma di governo per ravvivare l’economia, ma ha anche messo in guardia sul fatto che ci vorranno tra i 3 e i 5 anni per una ripresa.

Vendite al dettaglio nell’area euro e ordini alle fabbriche in Germania

Il crollo delle vendite al dettaglio nell’area euro dovrebbe essere andato peggiorando all’inizio del Q2. Gli analisti prevedono un calo mese su mese del -18.6% ad aprile dopo un calo del -11.2% a marzo. Le vendite anno su anno dovrebbero essere crollate al -24%.

Gli ordini alle fabbriche in Germania ad aprile dovrebbero evidenziare numeri altrettanto dolorosi. Gli ordini sono crollati del -15.6% a marzo e gli economisti prevedono un calo del -21.3% per i dati di aprile che verranno pubblicati venerdì.

NFP USA – Il tasso di disoccupazione raggiungerà il 20%?

Dopo essere crollati di -20.5 milioni lo scorso mese nel peggior calo mai registrato, i dati dei salariati extra agricoli USA di questa settimana dovrebbero riportare un nuovo calo dell’occupazione di -5 milioni. Il tasso di disoccupazione che si era portato verso il 15% ad aprile, dovrebbe attestarsi appena sotto il 20%. Gli economisti prevedono che la disoccupazione raggiunga il 25%, anche se gli analisti di Goldman Sachs hanno indicato che potrebbe aumenterà ancor di più.

Segui il chief market analyst di Markets.com, Neil Wilson, per un’analisi in diretta della reazione di mercato ai dati NFP USA con il nostro webinar gratuito.

Heads-Up on Earnings 

The following companies are set to publish their quarterly earnings reports this week:

After-Market 02-Jun Zoom Video Communications – Q1 2021
Pre-Market 03-Jun Campbell Soup – Q3 2020
After-Market 04-Jun Broadcom – Q2 2020
After-Market 04-Jun Slack – Q1 2021
05-Jun Toshiba Corp – Q4 2019

Highlights on XRay this Week 

Read the full schedule of financial market analysis and training.

07.15 UTC Daily European Morning Call
From 15.30 UTC 02-June Gold, Silver, and Oil Weekly Forecasts
12.50 UTC 03-June Asset of the Day: Indices Insights
19.30 UTC 04-June Daily FX Recap and Looking Forward
10.00 UTC 05-June Supply & Demand – Approach to Trading

Key Economic Events

Watch out for the biggest events on the economic calendar this week:

01.45 UTC 01-Jun China Caixin Manufacturing PMI
14.00 UTC 01-Jun US ISM Manufacturing PMI
01.30 UTC 02-Jun Australia Company Operating Profits (Q/Q)
05.30 UTC 02-Jun RBA Interest Rate Decision
07.15 – 08.00 UTC 02-Jun Eurozone Member State Finalised Manufacturing PMIs
08.30 UTC 02-Jun UK Finalised Manufacturing PMI
01.30 UTC 03-Jun Australia GDP (Q/Q)
01.45 UTC 03-Jun China Caixin Services PMI
07.15 – 08.00 UTC 03-Jun Eurozone Member State Finalised Services PMIs
08.30 UTC 03-Jun UK Finalised Services PMI
14.00 UTC 03-Jun Bank of Canada Interest Rate Decision
14.00 UTC 03-Jun US ISM Non-Manufacturing PMI
14.30 UTC 03-Jun US EIA Crude Oil Inventories
01.30 UTC 04-Jun Australia Retail Sales / Trade Balance
09.00 UTC 04-Jun Eurozone Retail Sales
11.45 UTC 04-Jun ECB Interest Rate Decision
12.30 UTC 04-Jun ECB Press Conference
14.30 UTC 04-Jun US EIA Natural Gas Storage
06.00 UTC 05-Jun Germany Factory Orders
12.30 UTC 05-Jun US Nonfarm Payrolls

CySEC (Europa)

Prodotto

  • CFD
  • Negoziazione di azioni
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Compensazione FSCS per l’Investitore fino a EUR 20.000
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com, gestito da Safecap Investments Limited (“Safecap”) Regolamentato dalla CySEC con licenza numero 092/08 e dalla FSCA con licenza numero 43906.

FSC (Globale)

Prodotto

  • CFD
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Verifica elettronica
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com, gestito da TradeTech Markets (BVI) Limited (“TTMBVI”) Tiene la licencia número SIBA/L/14/1067 regolamentato dalla B.V.I Financial Services Commission (“FSC").

FCA (Gran Bretagna)

Prodotto

  • CFD
  • Le spread bet
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Indennizzo agli investitori della FSCS fino a GBP85.000. *a seconda di criteri ed idoneità
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com gestito da TradeTech Alpha Limited (“TTA”) Regolamentato dalla Financial Conduct Authority (“FCA”) con licenza n.607305

ASIC (Australia)

Prodotto

  • CFD

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Verifica elettronica
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com, gestito da TradeTech Markets (Australia) Pty Limited (“TTMAU”) Detiene una licenza per i servizi finanziari australiana n. 424008 ed è regolamentata nella fornitura di servizi finanziari dell’Australian Securities and Investments Commission (ASIC”).

FSCA (Africa)

Prodotto

  • CFD
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com, gestito da TradeTech Markets (Sudafrica) (Pty) Limited (“TTMSA”) Regolamentato dalla Financial Sector Conduct Authority (“FSCA”) con licenza numero 46860.

Selezionando uno di questi organismi di regolamentazione, verranno visualizzate le informazioni corrispondenti su tutto il sito web. Per maggiori informazioni, clicca qui.