La prossima settimana: tempo di decisioni per le Banche centrali e batosta per l’NFP a causa della COVID-19

Il calendario economico è ricco di dati di rilievo questa settimana, a partire dai dati PMI manifatturieri da Cina e Stati Uniti. La RBA, BOC e BCE annunceranno le proprie decisioni di politica, con la BCE che potrebbe fare qualcosa in più per innervosire la Germania. Naturalmente la settimana si concluderà con gli ultimi dati NFP Usa.

Dati PMI manifatturieri Caixin dalla Cina – Il dato headline rispecchierà la situazione corrente?

Il PMI manifatturiero Caixin cinese è scivolato in territorio negativo ad aprile, mancando le aspettative di mercato di un’altra lettura appena oltre la soglia di 50. Uno sguardo ai sotto-indici dipinge un quadro alquanto contrastante rispetto al dato headline.

I nuovi ordini sono scivolati per il terzo mese consecutivo e gli ordini per l’esportazione sono calati al ritmo più sostenuto dal dicembre 2008. Gli arretrati di ordini sono aumentati, mentre i tempi di consegna dei fornitori sono andati migliorando e i costi alla produzione sono calati grazie al crollo dei prezzi del petrolio, spingendo così il dato headline al rialzo.

Si prevede che la lettura di maggio rimanga di poco sotto la soglia di 50, ma sarà ancora una volta l’andamento di tali sotto-indici a chiarire com’è la situazione. Sembrerebbe che l’industria cinese debba fare ancora molto prima di poter tornare a crescere come prima.

I dati PMI ISM USA potrebbero stabilizzarsi

Il settore manifatturiero USA è crollato lo scorso mese, con l’indice che è affondato dai 49.1 di marzo a 41.5. Nonostante si tratti del peggior calo dall’aprile 2009, la lettura è risultata comunque migliore delle aspettative del mercato di 36.9, anche se ciò è stato dovuto ad un aumento dei tempi di consegna dei fornitori. Nonostante ciò sia generalmente segno di una solida economia, in questo caso il dilatarsi dei tempi è stato dovuto ad ammanchi nell’approvvigionamento a causa della pandemia della COVID-19.

Si prevede che la situazione si possa essere stabilizzata a maggio, ma probabilmente passerà del tempo prima di poter tornare a crescere, evidenziata da con una lettura superiore a 50 dell’indice. Oxford Economics non prevede che le perdite di produzione possano essere recuperate prima del 2021.

Il calo del settore non manifatturiero dovrebbe essere più moderato, con una previsione di un aumento da 41.8 a 44.2.

Decisioni dei tassi di interesse di RBA, BOC e BCE

La Reserve Bank of Australia è la prima di tre banche centrali ad avere il proprio incontro di politica monetaria questa settimana. I tassi sono già ad un minimo record dello 0.25%, quindi praticamente a zero e il Consiglio direttivo non è intenzionato a portarli in negativo.

I ASX 30 Day Interbank Cash Rate Future per il mese di giugno mostrano che i mercati stanno prezzando una probabilità di circa il 50% di un taglio dei tassi a zero, ma molti analisti ritengono che la RBA abbia già adottato tutte le misure che intende mettere in campo e che i tassi rimarranno invariati per due o tre anni.

L’annuncio dei tassi di questa settimana della Bank of Canada coincide con l’inizio del mandato di Tiff Macklem come nuovo governatore della BoC. La vice-governatore senior Carolyn Wilkins di recente ha indicato che la BOC potrebbe mettere mano al programma di acquisto asset al fine di stimolare l’economia, al posto di aumentare semplicemente la liquidità sui mercati finanziari, ma i policymaker potrebbero non essere ancora pronti per una tale mossa.

Si prevede che la Banca centrale europea lasci invariati i tassi, anche se è probabile che il programma temporaneo di acquisto per l’emergenza pandemica (pandemic emergency purchase programme PEPP) venga esteso ed espanso. Nella conferenza stampa a lato dell’incontro è probabile che Christine Lagarde riceva domande sulla sentenza tedesca inerente il programma di alleggerimento quantitativo della BCE.

La scorsa settimana Isabel Schnabel, un membro del Consiglio della BCE nominato a gennaio, ha indicato che starà alla Bundesbank e al governo tedesco risolvere la questione.

“Sono certa che vi sarà un dialogo tra la Bundesbank, il parlamento tedesco e il governo tedesco, e si troverà una soluzione” ha commentato Schnabel al Financial Times la scorsa settimana. “Se la BCE può essere costruttiva nel supportare tale processo, naturalmente lo farà”.

PIL trimestrale australiano: la fine di tre decenni di crescita

I dati economici del primo trimestre dovrebbero evidenziare che l’economia australiana si è contratta del -0.8% a livello trimestrale e del -1.2% a livello annuale. Si prevede che l’Australia scivoli in zona di recessione per la prima volta in tre decenni quest’anno, per un calo del 10% del PIL.

La scorsa settimana il premier Scott Morrison ha presentato il programma di governo per ravvivare l’economia, ma ha anche messo in guardia sul fatto che ci vorranno tra i 3 e i 5 anni per una ripresa.

Vendite al dettaglio nell’area euro e ordini alle fabbriche in Germania

Il crollo delle vendite al dettaglio nell’area euro dovrebbe essere andato peggiorando all’inizio del Q2. Gli analisti prevedono un calo mese su mese del -18.6% ad aprile dopo un calo del -11.2% a marzo. Le vendite anno su anno dovrebbero essere crollate al -24%.

Gli ordini alle fabbriche in Germania ad aprile dovrebbero evidenziare numeri altrettanto dolorosi. Gli ordini sono crollati del -15.6% a marzo e gli economisti prevedono un calo del -21.3% per i dati di aprile che verranno pubblicati venerdì.

NFP USA – Il tasso di disoccupazione raggiungerà il 20%?

Dopo essere crollati di -20.5 milioni lo scorso mese nel peggior calo mai registrato, i dati dei salariati extra agricoli USA di questa settimana dovrebbero riportare un nuovo calo dell’occupazione di -5 milioni. Il tasso di disoccupazione che si era portato verso il 15% ad aprile, dovrebbe attestarsi appena sotto il 20%. Gli economisti prevedono che la disoccupazione raggiunga il 25%, anche se gli analisti di Goldman Sachs hanno indicato che potrebbe aumenterà ancor di più.

Segui il chief market analyst di Markets.com, Neil Wilson, per un’analisi in diretta della reazione di mercato ai dati NFP USA con il nostro webinar gratuito.

Heads-Up on Earnings 

The following companies are set to publish their quarterly earnings reports this week:

After-Market 02-Jun Zoom Video Communications – Q1 2021
Pre-Market 03-Jun Campbell Soup – Q3 2020
After-Market 04-Jun Broadcom – Q2 2020
After-Market 04-Jun Slack – Q1 2021
05-Jun Toshiba Corp – Q4 2019

Highlights on XRay this Week 

Read the full schedule of financial market analysis and training.

07.15 UTC Daily European Morning Call
From 15.30 UTC 02-June Gold, Silver, and Oil Weekly Forecasts
12.50 UTC 03-June Asset of the Day: Indices Insights
19.30 UTC 04-June Daily FX Recap and Looking Forward
10.00 UTC 05-June Supply & Demand – Approach to Trading

Key Economic Events

Watch out for the biggest events on the economic calendar this week:

01.45 UTC 01-Jun China Caixin Manufacturing PMI
14.00 UTC 01-Jun US ISM Manufacturing PMI
01.30 UTC 02-Jun Australia Company Operating Profits (Q/Q)
05.30 UTC 02-Jun RBA Interest Rate Decision
07.15 – 08.00 UTC 02-Jun Eurozone Member State Finalised Manufacturing PMIs
08.30 UTC 02-Jun UK Finalised Manufacturing PMI
01.30 UTC 03-Jun Australia GDP (Q/Q)
01.45 UTC 03-Jun China Caixin Services PMI
07.15 – 08.00 UTC 03-Jun Eurozone Member State Finalised Services PMIs
08.30 UTC 03-Jun UK Finalised Services PMI
14.00 UTC 03-Jun Bank of Canada Interest Rate Decision
14.00 UTC 03-Jun US ISM Non-Manufacturing PMI
14.30 UTC 03-Jun US EIA Crude Oil Inventories
01.30 UTC 04-Jun Australia Retail Sales / Trade Balance
09.00 UTC 04-Jun Eurozone Retail Sales
11.45 UTC 04-Jun ECB Interest Rate Decision
12.30 UTC 04-Jun ECB Press Conference
14.30 UTC 04-Jun US EIA Natural Gas Storage
06.00 UTC 05-Jun Germany Factory Orders
12.30 UTC 05-Jun US Nonfarm Payrolls